Cittadella Giudiziaria: pubblicato il decreto di autorizzazione,il M5s ricorrerà al Tar

 Il MoVimento 5 Stelle continua la sua battaglia contro la costruzione della Cittadella giudiziaria nell’area dell’ex Palazzo delle Poste.

Le denunce e le interrogazioni di esponenti del MoVimento a livello regionale e comunale non hanno sortito alcun effetto e sono rimaste grida al vento: il progetto è andato avanti, nonostante le tante anomalie e difformità che hanno accompagnato il suo iter di approvazione e nonostante l’eccessivo carico urbano previsto, che porterà ancora cemento nella nostra città, impedendo la vista del mare ai catanesi.

È stato pubblicato, infatti, il decreto dell’Assessore regionale all’Ambiente e al Territorio, che autorizza il progetto in variante al piano regolatore cittadino, secondo l’iter previsto ai sensi dell’art. 7 della L.r. 65/81.

A questo punto, per bloccare questo scempio urbanistico, non è rimasta altra alternativa che ricorrere alle vie legali. Le portavoce all’Ars Gianina Ciancio e Jose Marano, i parlamentari Laura Paxia, Eugenio Saitta e Simona Suriano, l’eurodeputato Dino Giarrusso e i consiglieri comunali catanesi Lidia Adorno, Graziano Bonaccorsi, Emanuele Nasca e Valeria Diana hanno già dato mandato allo studio legale Giurdanella&Partners di impugnare davanti al Tar il decreto.

“Siamo fortemente convinti che non ci siano le condizioni per realizzare la Cittadella in quell’area e che sia necessario trovare un altro sito. Ci avvarremo anche del contributo tecnico di figure professionali che rappresentano alcune associazioni cittadine che come noi, da mesi, sono impegnate in questa battaglia. Faremo valere in tutte le sedi possibili le ragioni di chi vuole restituire quella porzione di costa ai catanesi, attraverso la realizzazione di un parco sul mare”.