Sanremo 2021. Ludwig Mirak pubblica Leila, la canzone esclusa

Alle selezioni per il Festival di Sanremo 2021,
Ludwig Mirak ha presentato “Leila” il singolo che anticipa il secondo album previsto per il 2021.

Leila racconta i sogni e le speranze di una ragazza che decide di cercare fortuna all’estero, ma le difficoltà non sono poche e dovrà affrontare un periodo fatto di attese e rinunce;
senza per questo abbattersi, sfidando a denti stretti la propria quotidianità.
Il messaggio della canzone vuole essere una piccola luna nel buio di questo anno disastroso.

Musicalmente il brano è una delicata ballad dal sapore mediterraneo, arrangiata con quartetto d’archi e mondol (la mandola del Maghreb).
Il testo presenta strofe in italiano e nel ritornello è cantato intensamente in Darija, l’arabo marocchino.

Proprio riguardo questa riscoperta e viaggio nel profondo delle proprie radici, il cantautore Paolo Karim Gozzo in arte Ludwig Mirak commenta:

“Grazie al mio produttore Federico Truzzi, sono finalmente riuscito a trovare il mio stile, la mia identità.
L’equilibrio tra pop contemporaneo, la tradizione della canzone d’autore con cui sono cresciuto e i colori del mio amato Marocco.
Il Festival di Sanremo sarebbe potuta essere una grande opportunità ed una bella vetrina, ma così non sarà e quindi si va avanti.

Leila è una canzone importante, le darò l’energia, l’attenzione e il tempo che merita.”

La release, accompagnata da un intimo videoclip curato da Enrico Mescoli,è confermata per il 27 Novembre in collaborazione con International Music and Arts, con cui l’artista ha già lavorato nel precedente tour agli opening di Roberto Vecchioni, Banco del Mutuo Soccorso e Carl Brave x Franco126.


BIOGRAFIA:

Paolo Karim Gozzo
 nasce il 23/03/1989 a Erba (Como) ed è un cantautore con origini siciliane e marocchine.
Muove i primi passi nel 2009 ad X Factor nella squadra di Morgan, uscendo al Bootcamp contro Marco Mengoni.
Tra il 2010 e il 2013 lavora in studio di registrazione a diverse demo, tra cui “Buongiorno mondo” singolo prodotto da Enrico Kikko Palmosi e pubblicato nella primavera del 2012.
La svolta avviene nel 2014 quando, dopo aver studiato songwriting con Bungaro, decide di trasferirsi a Modena trovando nella canzone d’autore il suo habitat ideale.

In Emilia fonda il progetto Ludwig Mirak e nel 2018 insieme a Federico Truzzi ed Enrico Mescoli produce l’album “È quasi l’alba” con sfumature rock e folk, ricevendo buoni riscontri dalla critica e dai live.

In un anno e mezzo di concerti condivide il palco con artisti del calibro di: Roberto VecchioniBanco del Mutuo SoccorsoGhemonCarl BraveCiscoFranco126 e La Municipàl.

Il 07 Dicembre 2019 al Teatro Socjale di Ravenna è tra i finalisti di Materiale Resistente 2.0, evento promosso dal MEI e trasmesso da RadioRai Live.
Il 05 Giugno 2020 Ludwig Mirak pubblica “Musica malata”, un mini beat realizzato in casa durante il periodo di reclusione a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Sempre nel 2020 tra Berlino e Modena iniziano i lavori per il secondo album che sarà prodotto nuovamente da Federico Truzzi, con il supporto dell’Ing.del suono Davide “Bombanella” Cristiani.