Artigianato, la Cgil Palermo a fianco dei lavoratori del circuito di libere botteghe artistiche Alab

La Cgil a sostegno della rete di liberi artigiani e artisti Balarm dell’associazione Alab che opera già con una settantina di botteghe e laboratori d’arte, in gran parte nel centro storico di Palermo. Su invito del presidente dell’associazione, Pietro Muratore, il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo ha visitato alcune delle realtà più significative di artigianato d’autore della “rete” Alab nella zona di via Discesa dei Giudici, via Roma, tra via Paternostro, piazza Aragona e via Alloro e lungo l’asse di corso Vittorio Emanuele. 


   “Un esempio di economia circolare che parte dal basso, con la creazione di prodotti manuali basata sull’idea del recupero, del riuso e del riciclo dei materiali – dichiara il segretario generale Cgil Palermo,  Mario Ridulfo – Abbiamo espresso apprezzamento per il lavoro d’insieme svolto, portato avanti già da dieci anni, che coinvolge circa 300 lavoratori, che stanno contribuendo alla rigenerazione di una parte del centro storico con il recupero, in chiave innovativa, della tradizione artistica siciliana”.
     La Cgil ha percorso il circuito di botteghe, laboratori, officine, realizzato in questi anni da Alab, rivolto a cittadini e turisti, ascoltando la testimonianza dei lavoratori.  “Abbiamo incontrato una comunità unica di artisti e  artigiani, composta in gran parte da lavoratori giovani, tra cui moltissime donne, che ci hanno raccontato come si svolge il loro lavoro, i materiali che adoperano, gli strumenti che usano.  Un esempio virtuoso di moderno artigianato che diventa filiera produttiva – aggiunge Ridulfo –  Lavoratori che si associano per portare avanti una scommessa che va incoraggiata. Il nostro interesse è partecipare a iniziative come questa e contribuire a far conoscere tutte quelle realtà che oggi a Palermo  possono creare lavoro di qualità. Iniziative che andrebbero sostenute anche dalle istituzioni, non tanto con interventi economici ma con soluzioni di contesto che possono servire alla diffusione e alla  promozione delle attività.  La sfida di questi lavoratori,  di stare sul mercato, va incoraggiata anche  perché il circuito Alab oggi rappresenta un punto di riferimento e un presidio del territorio. Una microeconomia di qualità il cui apporto è importante per compiere il processo di riqualificazione urbana e sociale che il nostro  centro storico attende da anni”.