Randagismo a Marsala, la Lega: il sindaco e i suoi esperti si adoperino per arginare il fenomeno

La situazione del randagismo nella città di Marsala è purtroppo una questione annosa; i troppi abbandoni degli amici a quattro zampe e i canili municipali ormai saturi sono tra le principali cause del fenomeno. Diverse e continue le segnalazioni dei cittadini dalle varie zone della città a dimostrazione dell’estensione e del mancato contenimento della situazione. Esempio è quanto accade quotidianamente sul Lungomare Salinella dove si verificano spesso aggressioni da parte di cani randagi che vi stazionano a danno di chi pratica jogging; o quanto accade nella zona del parcheggio “al Salato” e del Lungomare Florio, e cosi si potrebbe continuare per le diverse zone che vanno dal centro alla periferia, da Piazza Loggia a contrada Birgi Nivaloro.

La sezione Lega Salvini di Marsala, da poco intestata a “Vito Armato” , chiede all’Amministrazione e all’assessore di competenza un tempestivo intervento rispetto alla situazione imperversante sul territorio.

Come forza politica, nel rispetto di quanto ci siamo prefissi, proponiamo e richiediamo un’immediata attenzione così come l’attuazione di interventi volti ad esempio all’ampliamento del canile comunale con la creazione di nuovi posti per i poveri animali, una maggiore campagna di sensibilizzazione all’adozione e l’avvio di una massiccia sterilizzazione di cani e gatti randagi che come più volte palesato dalle associazioni di categoria e dai medici veterinari può essere tra le soluzioni al fenomeno.

Confidiamo dunque che l’amministrazione comunale ascolti il nostro appello e che, unitamente alla squadra di esperti e manager che compongono la Sua Governance, si attivi nell’immediato a trovare le soluzioni più idonee per lo stop al randagismo .