“Pantelleria Youth Forum laboratorio dei Parchi”: il presidente Salvatore Gabriele illustra il progetto, in collaborazione con Svimez e Scuola di Politiche

Gli obiettivi prefissati riguardano l’investimento sul capitale umano con le nostre risorse sul territorio e nei territori che partono da Pantelleria e coinvolgono tutti Parchi. Fondamentale è la riconoscenza al il Ministero che ha accettato la nostra proposta che, SVIMEZ e Scuola di Politiche

si articolerà in un biennio. Porteremo avanti gli esempi di buone pratiche già avviate con i nostri Partener e faremo dei giovani i veri protagonisti di questo sospirato e aspettato cambiamento.

Il Covid ci chiama a riflettere sulla condizione del nostro futuro, un monito, un campanello di allarme per il pianeta, la sfida epocale che abbiamo dinnanzi … per questo l’Ambiente e la Sua Sostenibilità sono al centro della nostra azione.

Il nostro impegno mette al centro l’agricoltura e le rinnovate sfide della biodiversità; le nostre produzioni; il cibo; il benessere del nostro corpo. Uno dei traguardi prefissati sarà un Turismo Sostenibile a misura dei nostri territori, alla scoperta delle tradizioni e della cultura, dello sport e del benessere, a partire da una strategia di marketig sostenibile. Un target verso un turismo lento e del benessere, utilizzando i canali della multimedialità e del digitale come elementi di attrazione globale ma finalizzato a promuovere i territori e le sue eccellenze “pensare globalmente ma agire localmente sulla forza dei territori”.

Il progetto guarda alle Energie Rinnovabili per pensare a delle tappe intermedie del 2030 – 2050 e ad un piano a medio e lungo termine. Implementare l’uso delle tecnologie in Digitale sarà la nuova sfida, dopo che il COVID ci ha imposto nuovi ritmi. L’elemento di collegamento delle azioni saranno i valori della biodiversità, quali vere e proprie linee guida per le nuove generazioni che saranno i protagonisti principali di questa sfida.

Pantelleria Youth Forum vede le scuole quale elemento essenziale di un progetto di educazione ambientale e di sviluppo, per costruire una rete di giovani studenti nelle aree dei parchi, per scambiare buone pratiche, costituire eccellenze partendo dai bisogni, ma soprattutto guardandole come opportunità.

Tutte le attività possono contare su importanti strumenti legislativi e finanziari messi a disposizione dal Governo a partire dalle ZEA; Parchi per il Clima che punta alla costruzione di un modello di sviluppo di sostenibilità; la rete dei Parchi, delle buone pratiche, con una forte intesa con le istituzioni a tutti i livelli, che fissa obiettivi e finalizzazioni concrete.

Dobbiamo passare dalle rivendicazioni alle proposte attraverso un ponte ideale di coesione e di sviluppo. Accettiamo la sfida diventiamo protagonisti.