Mazara del Vallo: il silos neolitico e la mangiatoia scavata nella roccia

Siamo in Sicilia, nella zona Nord del comune di Mazara del Vallo..

Sul lato ad ovest della strada che da Mazara del Vallo porta a Borgata Costiera si trovano le  “sciare” di S. Miceli verso il feudo Busala ad ovest del fiume Mazaro.

Le sciare sono  state sicuramente utilizzate anche come abitazioni.

La zona è al confine fra Busalotta e Busalotto,  nella contrada generalmente denominata “contrada Villani..”

Fra le varie abitazioni, ne segnaliamo una con un particolare “anomalia” .

L’abitazione vera e propria è a pianta rettangolare ma è collegata ad una specie di cisterna, oggi diremmo un  “silos” di forma perfettamente circolare.

La cisterna è scavata nella roccia  ed ha un diametro di circa 5 – 6 metri ed è profonda circa 4 metri.

La parete interna, sorprendentemente, pare sia stata come intonacata o comunque trattata con un qualche prodotto chimico..dell’epoca.

Come si vede in queste immagini lo scavo è stato riempito dall’immancabile spazzatura ma mostra ancora una piccola porta con arco che accede ad un ampio locale abitativo.

Ma non solo.

Si intravede   un piccolo passaggio , tutt’ora inesplorato, di accesso ad una zona ancora sconosciuta.

Probabilmente nella direzione di un vano senza aperture verso l’esterno.

 Forse un altro locale utilizzato come deposito, forse un tomba..

LA SORPRENDENTE MANGIATOIA NELLA ROCCIA..

Ma ecco poco lontano, una vera sorpresa.. quasi dal sapore natalizio !

E’ ancora ben visibile  l’enigmatica  presenza di una mangiatoia integrata alla parete rocciosa di un vano utilizzato come stalla certamente migliaia di anni fa..

Una mangiatoia, in pietra, forse di epoca neolitica,  di indubbia bellezza..

Il suo abile artefice l’ha scavata nella parete rocciosa , non solo risparmiando di realizzare un lato della stessa ed anche  il fondo, ma pure di renderla del tutto inamovibile.

Insomma un’opera veramente sorprendente e che forse ci vuol  ricordare, in questo Natale senza mezzanotte, un’altra mangiatoia di duemila anni fa..