Bronte: Firrarello torna ed in Giunta approva fondi per imprese e famiglie

In una Bronte dove, secondo i dati di di ieri alle 12, i contagi scendono sotto i  400 e si fissano a 388, il sindaco Pino Firrarello, dopo l‘isolamento ed il covid, è tornato al lavoro in Municipio e ha convocato la Giunta per approvare fondi alle imprese danneggiate dallo stato di emergenza  covid ed i criteri di assegnazione dei buoni spesa alle famiglie.

“Sono – ci dice – alcune famiglie e le imprese in questo momento coloro che stanno subendo gli effetti delle restrizioni dovute ai provvedimenti per contenere la diffusione del covid. E a loro che insieme alla mia Giunta ho pensato tornando in Comune”.

E così sono stati approvate 2 delibere. La prima riguarda il contributo alle imprese per un valore complessivo di 100 mila euro, la seconda, appunto, i criteri di assegnazione dei buoni spesa.

Nel dettaglio alle imprese brontesi regolarmente iscritte alla Camera di commercio che nel 2019 non hanno superato i 200 mila euro di affari toccherà un contributo non superiore ai 1000 euro una tantum, mentre potranno percepire i buoni spesa le famiglie dove tutti i componenti sono disoccupati e non percepiscono forme di sostegno come il reddito di cittadinanza. Particolare attenzione sarà riservata ai nuclei familiari con minori o disabili ed a quelle in affitto. Ogni componente della famiglia percepirà un buono spesa di 125 euro, cui si aggiungono eventualmente altri 100 euro se si è risultati positivi al covid. Con questi soldi non si potrà ovviamente comprare tutto ma solo generi alimentari essenziali, farmaci e prodotti medicali e prodotti di prima necessità come quelli per l’igiene, i detersivi ed i pannolini.