“Contaminazioni” innovative con il Digital Junior Hack del Liceo “Pascasino” di Marsala

Gran finale per la competizione Digital Junior Hack organizzata dal Liceo Statale Pascasino di Marsala. 

Dal 3 al 5 Dicembre studenti del Liceo e alunni delle scuole medie di Marsala si sono sfidati in una competizione digitale sul tema “La scuola del futuro”. 

Il Digital Junior Hack si inserisce in “Orientarbene”, il piano di orientamento alle attività didattiche messo in campo dal Liceo diretto dalla prof. ssa Anna Maria Angileri.

Gli studenti, attraverso un lavoro di cooperative learning, guidati da mentor, hanno partecipato alla sfida di immaginare la scuola del futuro. 

Dieci i team in gara, circa 60 gli alunni che hanno partecipato alla sfida sperimentando con molto entusiasmo la metodología innovativa del Challenge Based Learning. Gli studenti con molta disinvoltura hanno presentato le idee progettuali nel corso dell’ultima fase del Digital Junior Hack avvenuta in modalità a distanza sabato 5 Dicembre. 

Alla tre giorni hanno partecipato studenti delle classi seconde e terze del Liceo “Pascasino” e alunni dell’ultimo anno delle scuole medie di Marsala. Tutti hanno potuto acquisire importanti competenze digitali e soft skills: dal public speaking, al cooperative learning, problem solving, team working…

I 3 migliori studenti premiati al termine del Digital Junior Hack sono : James Brian Piccione (Liceo Pascasino). Lucrezia Calzolari (Scuola media De Gasperi) e Flavia Di Noto (Scuola media Sturzo) che hanno vinto la partecipazione al MEU (Model European Union), la simulazione di una riunione all’interno del Parlamento Europeo.

Gli studenti del miglior Team (Team n.9) sono Aguanno Lucia (Liceo Pascasino), Pellegrino Sara (Liceo Pascasino), Pantaleo Fabio (Scuola media Sturzo), Amato Marina (Scuola media De Gasperi), Giacalone Samuele (Mario Nuccio) che invece hanno vinto, con il loro progetto “Le regole del test perfetto”, cuffie per PC, borracce e magliette.

Tre giorni in cui il filo conduttore è stato il desiderio di “contaminazione” degli studenti, nell’accezione positiva dell’innovazione didattica, con lo sviluppo di nuove idee che, partendo dal basso, puntano a costruire la scuola del futuro.

“In questo periodo così difficile per le scuole riuscire ad organizzare, anche a distanza, un momento di formazione così propulsivo per i ragazzi è fondamentale. Sono davvero felice per il lavoro fatto da tutti gli alunni che hanno partecipato. In queste settimane abbiamo riadattato il termine “contaminazione” parlando di buone pratiche condivise dagli studenti, contrapponendolo all’accezione negativa del momento che stiamo vivendo”, sono le parole della dirigente del Liceo “Pascasino” Anna Maria Angileri. 

Soddisfatte le docenti coordinatrici,  Annelise Galfano e Antonella Tantaro, per il “carico importante di autostima e di emozioni positive” che ha portato la tre giorni. Il Liceo “Pascasino” non si ferma, ed è pronto a lanciare un’ulteriore novità nei prossimi giorni. Con un nuovo spazio di apprendimento, frutto di mesi di progettazione orientati verso una visione innovativa della scuola.