Lavoro autonomo, OCF: “Bene il confronto, intervenire al più presto”

“Accogliamo con soddisfazione la decisione del Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo di istituire il tavolo previsto dalla legge n. 81/2017 e di includervi anche l’Organismo Congressuale  Forense in rappresentanza dell’Avvocatura Italiana. Si tratta di una vera e propria cabina di regia delle decisioni relative alle problematiche delle professioni italiane, che attendevamo da tre anni e che è tanto più necessaria in questa stagione drammatica.” 

Così Giovanni Malinconico, Coordinatore dell’OCF commentando l’istituzione del tavolo sul lavoro autonomo costituito in seno al Dicastero.

“La crisi, che non da oggi morde il mondo delle professioni – prosegue Malinconico – è stata enormemente aggravata dalla pandemia, i cui effetti ora senza correttivi rischiano, per quanto riguarda l’avvocatura, di spazzare via una buona fetta degli studi più fragili”.

Soddisfazione anche per l’ipotesi della riforma degli ammortizzatori sociali per il lavoro autonomo ipotizzata dal Ministro del Lavoro, valutando l’estensione degli strumenti di sostegno alle professioni ordinistiche. 

“L’intervento del Ministro dunque fa particolarmente piacere per il metodo seguito, che è quello della condivisione e dell’ascolto – conclude il Coordinatore – dopodiché naturalmente vedremo e giudicheremo quali provvedimenti questo confronto produrrà. Ma intanto,  bene il dialogo e l’attenzione al mondo delle professioni, altre volte trascurate, ma che restano una parte fondamentale del tessuto sociale di questo paese. E che richiedono interventi urgentissimi”.