L’Assessore Samonà in ricordo di Lelio Giannetto: “musicista ispirato,un artista a tutto tondo”

 “Lelio Giannetto ci ha lasciati: se n’è andato un grande artista, ma soprattutto un amico. Lelio è stato uno sperimentatore, un ricercatore, un artista a tutto tondo. La sua ricerca, spaziava dalla musica alla letteratura, dalla filosofia ai nuovi linguaggi. Questa estate con l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana aveva messo in scena “Cento Sicilie”, uno spettacolo ispirato a Gesualdo Bufalino con circa 50 artisti che hanno lavorato nell’area archeologica dei Bagni di Mezzagnone a Santa Croce Camerina: un successo assoluto, replicato qualche giorno dopo nel Parco Archeologico di Selinunte. A novembre avevamo condiviso anche il progetto “RiEvoluzione” e avevamo già in mente una nuova iniziativa per la prossima estate, per valorizzare aree archeologiche meno conosciute dell’entroterra siciliano. Mi mancheranno le nostre telefonate nelle quali – tu di sinistra e io di destra – ci confrontavamo su temi di attualità, di politica, di filosofia e di arte, trovandoci spesso d’accordo. Ciao Lelio, mancherai!”

Lo scrive l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà sui suoi canali social, commentando la scomparsa di Lelio Giannetto.

“Al musicista, all’uomo gentile, alla famiglia e a tutto il mondo artistico siciliano i sensi del più sincero cordoglio”.