Quasi lo investono col Suv, lui li rimprovera e viene pestato

Picchiato selvaggiamente e rapinato per aver rimproverato un gruppo di giovanissimi che a bordo di un Suv poco prima avevano rischiato di investirlo. Accade a Palermo, dove la polizia ha arrestato cinque ragazzi incensurati che sabato pomeriggio si sono resi protagonisti di una selvaggia aggressione ai danni di un pedone in pieno centro.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la vittima, un professionista palermitano, intorno alle 17 stava attraversando via Roma all’altezza delle strisce penali quando un Suv lo ha quasi travolto. Lo scampato pericolo ha prodotto la comprensibile reazione dell’uomo che ha rimproverato gli occupanti del mezzo. E’ stato a quel punto che il ragazzo alla guida dell’auto ha arrestato la marcia, è sceso dal mezzo e si è diretto verso il professionista colpendolo con calci e pugni, mentre gli altri quattro amici lo immobilizzavano. Quando il branco sembrava avere esaurito la sua cieca violenza e tutti e cinque erano risaliti a bordo del Suv, è bastato il tentativo della vittima di fotografare la targa del mezzo, per spingere i cinque a una nuova violenta aggressione. Poi prima di andare via hanno rubato il cellulare al malcapitato.

La scena, seppur nella sua fase conclusiva, è stata notata da un poliziotto libero dal servizio che ha dato l’allarme e seguito il Suv. L’auto è stata bloccata poco distante in via Mariano Stabile. I cinque sono stati identificati e arrestati, mentre in strada è stato trovato il cellulare rubato poco prima. Il professionista è stato soccorso e condotto in ospedale per le cure del caso.