ZFM: tredicesimo giorno all’addiaccio per il comitato promotore e Sindaci

Tredicesimo giorno di presidio a Irosa per il comitato promotore della legge che istituisce le Zone Franche Montane e i 132 sindaci interessati dalla misura. Oggi ospiti al camper allestito dal comitato c’è il sindaco di Gratteri accompagnato da un assessore della giunta, il sindaco di Alessandria della Rocca e il presidente del Parco delle Madonie.

«L’Istituzione delle Zone Franche Montane in Sicilia è un provvedimento urgente, perchè è di vitale importanza per le comunità che potranno beneficiarne. – dicono da comitato – La sfiducia con cui guardano al futuro gli operatori economici delle aree di montagna della Sicilia, desta la nostra preoccupazione ci stimola a lavorare con determinazione».

«Chi come me ha l’onore e l’onere di guidare un Parco Naturale non può che condividere l’iniziativa portata avanti dal comitato promotore dell’istituzione delle ZFM. – Dichiara Angelo Merlino, presidente del Parco delle Madonie – L’articolo 3 della Costituzione Italiana prescrive che sia compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale e che impediscono il pieno sviluppo. Si tratta di una battaglia affinchè si possa ottenere un futuro migliore per quei territori che fanno parte del Parco delle Madonie, ma delle aree Parco in generale, perché rappresentano a pieno il concetto di aree interne e marginali e che quindi necessitano di interventi concreti che ne permettano lo sviluppo e la programmazione per i prossimi anni, se non per dire decenni».

«È arrivato il momento di affrontare la questione meridionale dando alle nostre comunità la possibilità di sopravvivere e di avere un nuovo sviluppo economico che valorizzi l’immenso patrimonio di risorse naturali ambientali storico artistiche del territorio. – dice Giovanna Bubello primo cittadino di Alessandria della Rocca – È necessaria una fiscalità di sviluppo, contenuta nelle disposizioni approvate dall’ARS il 17 dicembre 2019 e ferme al Senato, per consentire alle imprese commerciali, artigiane e agricole di continuare a resistere nelle aree di montagna dell’isola. Questa norma di politica economica attrarrà nuovi investimenti in aree che hanno bisogno di attenzioni compatibili con l’ambiente. Un nuovo modello di sviluppo sostenibile e in sintonia con il bisogno di un nuovo umanesimo».

«L’agonia lenta ma inesorabile che affligge da tempo le aree interne montane, – dice Giuseppe Muffoletto, sindaco di Gratteri e Antonio Tedesco assessore alla cultura sempre di Gratteri – e tra queste le nostre Madonie, è ulteriormente aggravata dalla sciagura della pandemia, per questo non ci sono spazi di tentennamenti o di ulteriori ritardi nel completamento dell’iter legislativo che prevede la defiscalizzazione di queste aree. “Mentre a Roma si discute Sagunto viene espugnata”, è una frase che tanti anni or sono ripeteva spesso un grande uomo della chiesa siciliana, il compianto cardinale Pappalardo, in relazione ad altra emergenza di spessore nazionale. E di emergenza nazionale si tratta anche in questo caso, giacché la posta in gioco è la vita stessa di una vastissima area di questa nostra meravigliosa Sicilia».