Crisi covid Enna: Cgil Cisl Uil chiedono incontro urgente al Prefetto

Le nuove notizie che arrivano dalla diffusione della pandemia non ci lasciano tranquilli. Con il sit-in davanti la Prefettura di Enna dello scorso 4 dicembre – dichiarano i segretari generali delle Confederazioni Cgil, Cisl, Uil e dei Pensionati – avevamo voluto alzare il livello di attenzione sull’emergenza da coronavirus denunciando le carenze del governo regionale nella gestione delle crisi sanitarie che hanno colpito le case di riposo e le Residenze sanitarie assistenziali».

«Come sindacati torniamo a ribadire la bontà delle nostre proposte che avanziamo da tempo. Gli ultimi 30 casi di contagio presso la casa di riposo “Santa Lucia” di Enna confermano la necessità di adottare azioni immediate ed efficaci. Nell’incontro in Prefettura avevamo condiviso l’istituzione di una cabina di regia che potesse produrre un protocollo d’intesa tra Asp e i Sindaci dei comuni capofila dei distretti socio-sanitari. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna notizia e nel frattempo i casi di Covid aumentano  nelle case di riposo e nelle strutture sanitarie».

«La pandemia ci preoccupa e continua ad esporre a rischi enormi le persone anziane e fragili. Per affrontare la piena emergenza siamo fortemente convinti che servono sistemi più efficaci di accreditamento, monitoraggio e controllo delle strutture ed un maggiore coinvolgimento delle organizzazioni sindacali confederali e dei pensionati. Il momento richiede massima coesione e il contributo di tutti».