Nasce il coordinamento provinciale di Trapani del Movimento cento passi per la Sicilia

Da qualche mese, molte sedi del movimento Cento Passi in provincia di Trapani hanno avviato una serie di incontri con l’obiettivo di confrontarsi e programmare insieme un’iniziativa politica che sia realmente risolutiva delle tante criticità presenti nel territorio. Dalle ultime indagini statistiche del Sole 24 ore sul rapporto ricchezza-consumi, cultura-tempo libero, ambiente-servizi, giustizia-sicurezza, affari-lavoro emerge un quadro davvero preoccupante in termini di qualità della vita. Alla condizione socioeconomica precaria del nostro territorio si aggiunge un dato allarmante rappresentato dal forte rapporto tra il mondo politico e il mondo del malaffare mafioso e della massoneria.

Dall’esigenza quindi di elaborare proposte da mettere in campo per rilanciare l’economia e migliorare la qualità della vita, dall’esigenza di affermare la legalità e di porre la questione morale al centro del dibattito politico, vogliamo che la Politica diventi di nuovo protagonista di un modello virtuoso, legale e trasparente e si ritorni fieri in Piazza a fare Politica solo ed esclusivamente per il bene comune contro gli interessi singoli ed individualistici e che si possa ritornare a pianificare per il bene delle nuove generazioni.

Con questi presupposti nasce in provincia di Trapani un libero coordinamento provinciale del Movimento Cento Passi per la Sicilia.

Aspettando che si uniscono altri componenti, al momento il coordinamento provinciale è composto da:

Fabio Genna (Marsala)
Maria Luisa Presti (Mazara)
Vincenzo Lipari (Castelvetrano)
Giuseppe Calcagno (Campobello di Mazara)
Giuseppe Bongiorno (Salemi)
Gero Accardo (Partanna)
Angelo Alonso (Calatafimi)