Ferrovia Trapani-Palermo. Gelarda (Lega): dopo quasi 10 anni non ci vorranno più 5 ore per collegare le due città


“Mentre nel resto d’Italia si viaggia in alta velocità, in Sicilia si fatica pure a viaggiare in treno a velocità normale- a dichiararlo è Igor Gelarda Capogruppo della Lega palazzo delle Aquile. Dopo 8 anni sembra ormai risolto l’iter per riavviare i lavori per il ripristino della tratta ferroviaria diretta tra Trapani e Palermo, interrotta tra Alcamo e Trapani nel 2013 per smottamenti. I lavori dureranno almeno un paio di anni. 
Ad oggi ci vogliono fino quasi a 5 ore per arrivare da Trapani a Palermo, città che distano poco più di 100 km. Con una media finale, per il viaggiatore, di poco più di 20 km percorsi in un’ora. La metà della velocità della prima corsa ferroviaria in Italia, il Napoli-Portici dei Borbone, che nel 1839 viaggiò a più di 40 km/h!
Soddisfazione certo per la tenacia della Regione, che a settembre scese in piazza con alcuni amministratori locali disperati di questa situazione, e per la ripartenza dei lavori. Ma ciò non toglie l’amarezza di una situazione infrastrutturale complessiva inaccettabile. Con infrastrutture di questo genere non c’è nessuna speranza di sviluppo per l’isola. Bisogna cambiare registro e chiedere investimenti forti e condivisi per tutta l’isola, conclude Gelarda”