“Caccia alle streghe”,il nuovo singolo di Adel Tirant

{"uid":"A723E4D9-A004-44A0-AA2B-1EFBE59DE16F_1608287731876","source":"other","origin":"gallery"}

“Caccia alle streghe (Miss Inquieta)”, è il nuovo singolo di Adel Tirant, cantante, attrice, performer cantautrice, originaria della provincia di Messina e di adozione romana, in uscita mercoledì 6 gennaio 2021 per l’etichetta SOTER

È possibile presalvare/ascoltare la canzone sui digital store a questo link:https://bit.ly/3oaOlOR 

Il brano, che vede l’arrangiamento e la produzione artistica di Giovanni Paolo Liotta, parte dichiaratamente dalle sonorità del personaggio femminile più controverso e moderno del momento, Miss Keta: un implicito omaggio a lei e un esplicito omaggio invece alla donna libera, cacciata nei secoli come strega. Si parte da Miss Keta, per poi approdare alla cavalcata delle Valchirie, alla opera lirica e al pop. 

Caccia alle streghe (Miss Inquieta) è già vincitore del Premio Zonta 2020 per la canzone d’autrice (associazione internazionale che si occupa dei diritti delle donne). 

“L’ispirazione arrivò dopo le polemiche sul ruolo della donna prima e durante l’edizione di Sanremo 2019, con la presa di coscienza di un’involuzione nel cammino dell’emancipazione di questa figura – racconta Adel. Ho fatto appello al mito della donna selvaggia, così come essa appare e viene descritta dalla psicologa junghiana Clarissa PInkola Estes”. 

CACCIA ALLE STREGHE

brano vincitore Premio Zonta 2020 per la canzone d’autrice

testo e musica Adele Tirante

Produzione artistica e arrangiamento Giovanni Paolo Liotta

TESTO

CACCIA ALLE STREGHE

Sono stata calmata

Sono stata educata

Sono stata bruciata

E dalle ceneri rinascerò

Ho fatto un passo indietro

Ho fatto un passo avanti

Perché sto sempre avanti

La mia natura è così

Se di natura si parla

Non è un caso che bruci

Che bruci tutta la terra

La terra è come me

Io sono il luogo selvaggio

Sono la creazione

La luna, il buio, il mistero

Io sono fatta così

Continuerò a cantare

Continuerò a ballare

E dal mio ventre libero

Partorirò parole

Quelle che fanno bene

Io ti darò alla luce 

Piangendo di felicità

Ti accorgerai di me. 

Tu non aver paura

La mia magia ti cura

Guarisce e non ferisce

E non ti ucciderà

Ti mostrerò la grazia, pazienza e la saggezza

Io sono la bellezza

E non ne morirai

Sono stata zittita

Sono stata esclusa

Mi hanno tappato la bocca

E io continuo a gridare

La storia della mela

Datela in pasto ai serpenti         

Datela in pasto alle menti

Che han rinunciato a pensar…

Le menti piene di plastica

Piene come gli oceani

Di buste di immondizia

che non si può eliminar

e soffro come la terra

come il pianeta inquinato

mi sento dissacrata

non ce la faccio più.

Continuerò a cantare

Continuerò a ballare

E dal mio ventre libero

Partorirò parole

Quelle che fanno bene

Io ti darò alla luce 

Piangendo di felicità

Ti accorgerai di me. 

Tu non aver paura

La mia magia ti cura

Guarisce e non ferisce

E non ti ucciderà

Ti mostrerò la grazia, pazienza e la saggezza

Io sono la bellezza

E non ne morirai

Sono stata accusata perseguitata tormentata

Fuori dal palcoscenico dove la gente comanda

Sono stata trattata come una specie di bimba

Come un giardino incolto di pura proprietà

Ho dovuto lottare

Per ottenere gli spazi

Per non soffocare 

io, la mia dignità

Ho nascosto il mio corpo

Per non subire torti abusi soprusi

E ancora inciviltà.

E quando alzavo la testa

Mi hanno detto “ troia”

Mi hanno detto “pazza”

Una cattiva ragazza

ho aspettato secoli

ballavo in mezzo ai boschi

scrivevo se non vista

cantavo di nascosto

Non faccio passi indietro

Come questa società 

Ma mille passi avanti

Mi lancio nel vuoto

Triplo salto mortale

Del genere umano

Che resterà a guardare

La mia maestà

Continuerò a cantare

Continuerò a ballare

E dal mio ventre libero

Partorirò parole

Quelle che fanno bene

Io ti darò alla luce 

Piangendo di felicità

Ti accorgerai di me. 

Tu non aver paura

La mia magia ti cura

Guarisce e non ferisce

E non ti ucciderà

Ti mostrerò la grazia, 

pazienza e la saggezza

Io sono la bellezza

E non ne morirai

(CORO CHE SI INTRECCIA ALL’ULTIMO RITORNELLO A CANONE)

Ma la mia anima ha fame

Risale un canto profondo

È la rivendicazione

Della mia identità

Tra le rovine del mondo 

Preserverò la vita

Continuerò a scavare

E non mi arrenderò

Continuerò a giocare

Ad essere devota

Ad esplorare intorno

Cercare novità

Non mancherà il coraggio 

L’amore e la visione

La forza e la speranza

Quando vacillerò

BIO

Adele Tirante, in arte ADEL TIRANT è cantante, attrice, performer e autrice di canzoni e testi.

Nel 2019 esce il suo album d’esordio, “Adele e i suoi eroi”, finanziato con una campagna di crowdfunding; il disco vede la produzione artistica di Giovanni Block.

Nel 2016 vince il premio come migliore interprete al concorso “Ugo Calise”.

Per 10 anni è stata una delle cantanti e attrici principali dello spettacolo “Dignità autonome di prostituzione” di Luciano Melchionna.

Col precedente progetto cantautoriale “ Le scarpette rosse” che vede Cristiana Giustini alla chitarra, viene più volte segnalata (finalista ai premi “Gli ascolti del Tenco”, “Martelive”, “Fondiamo il talento ”, “Musica controcorrente”; su web radio rai “Via Asiago live e “Valprimomaggio” di Maria Cristina Zoppa, semifinalista a “Musicultura”, premio della giuria universitaria).

Collabora con Mirko Dettori: ha partecipato a “Elisir”, spettacolo di varietà al Salone Margherita nel 2015 e 2016; negli ultimi anni ha portato in giro per i teatri “Padam Padam”, concerto-spettacolo su Edith Piaf (di e con Adele Tirante e Mirko Dettori).

A teatro ha lavorato con Stefano Genovese e Arturo Brachetti,  Michele Sinisi, Giancarlo Sepe, Luciano Melchionna, Ninni Bruschetta, Micha van Hoecke, Antonio Calenda, Roberto Bonaventura, Walter Manfrè e Tino Caspanello.

Al cinema ha lavorato con Giuseppe Tornatore, Michael Radford, Rildey Scott e Renato De Maria.Segui Adel Tirant:https://www.facebook.com/adeletirante/https://www.instagram.com/adel.tirant/