Bronte: tre progetti da rendere esecutivi con i fondi del Viminale

La bonifica dell’ex discarica di contrada Margio grande, l’adeguamento del collettore fognario ed infine la messa in sicurezza dell’istituto scolastico che accoglie la Scuola media Castiglione.

Sono le 3 opere cui il sindaco di Bronte Pino Firrarello ha chiesto di completare i progetti esecutivi.

Tre opere importanti per la città i cui progetti potrebbero essere completati grazie a dei fondi messi a disposizione dal Ministero dell’Interno.

Il Comune di Bronte, infatti, ha depositato la domanda di partecipazione ad un finanziamento del Viminale che concede contributi ai Comuni per la progettazione esecutiva di interventi di messa in sicurezza sismica e da rischio idrogeologico.

“Non potevamo certo farci scappare questa buona occasione. – commenta il sindaco Pino Firrarello – Ho sempre sostenuto che il Comune debba partecipare ad ogni bando che venga pubblicato”.

E complessivamente realizzare le opere individuate prevedrebbe investimenti per circa 8 milioni di euro.

“Permettetemi – aggiunge Firrarello di ringraziare il responsabile dell’Ufficio tecnico ing. Salvatore Caudullo e quello dell’area economico finanziaria dott. Nunzio Lupo. Si tratta di opere importanti subito ed in prospettiva. La scuola viene frequentata dai nostri figli e nipoti ed abbiamo l’obbligo di renderla idonea ed il collettore svolge una funzione importante. Infine la vecchia e tanto discussa discarica di Margio grande che, se recuperata ed utilizzata, in futuro sarà utile al Comune per risparmiare sul costo del servizio di raccolta dei rifiuti. Tutto – conclude – per una Bronte che deve riprendere a crescere”.