Petralia, vaccinazioni anti-Covid con “metodi clientelari”

La Cgil: “Chiediamo trasparenza e serietà nelle procedure di somministrazione dei vaccini e l’accertamento delle responsabilità”

La Cgil interviene sulle vaccinazioni “sospette” all’ospedale Madonna dell’Alto di Petralia, dove su 1.121 vaccinazioni eseguite fino al 21 gennaio,  333 sono finite  sott’inchiesta dai Nas perché sarebbero state fatte non alle categorie di chi rientra nelle direttive previste dal governo nazionale.
   Un dato alto, una vaccinazione “abusiva” su quattro, che ha portato l’ospedale di Petralia alla ribalta della cronaca come primo caso nazionale per  erogazione arbitraria del vaccino anti-Covid.
    Un “fatto grave”  che per la Cgil  testimonia “malcostume e favoritismi” nel modo di  gestire le vaccinazioni. “Diciamolo chiaramente: è una vergogna che il vaccino, ancora prima di essere somministrato a quanti ne hanno bisogno e diritto, venga somministrato agli amici, ai parenti o agli amici degli amici – dichiara il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo –  Occorre trasparenza e serietà. Non è possibile come nel caso dell’ospedale di Petralia, che il 25 per cento dei vaccinati  siano persone che non ne avevano diritto. Chiediamo che siano accertate le responsabilità per evitare che questa situazione  ripeta in questa o in altre realtà: la strada della vaccinazione di massa è ancora parecchio lunga e bisogna proteggere prioritariamente ed evitare che vengano scavalcate le persone più fragili e più esposte”.
    “La sanità e gli ospedali sono sempre stati un punto nodale dove il clientelismo ha imperversato negli anni,  determinando le fortune politiche elettorali di alcuni personaggi – aggiunge Calogero Spitale, responsabile Cgil Alte Madonie – Sarebbe opportuno agire con severità, con l’individuazione da parte dei Nas chi è stato registrato negli elenchi senza essere fra i soggetti prioritari previsti dal protocollo nazionale per le vaccinazioni. Chiediamo che vengano fatte tutte le indagini  necessarie per accertare eventuali responsabilità della direzione sanitaria e dell’equipe medica e infermieristica e  per evitare  che, nel prosieguo delle vaccinazioni anti Covid, si calpestino e si saltino i meccanismi previsti.   Tra l’altro proprio il  distretto di Petralia,  di  25 mila abitanti,  ha un servizio di medicina territoriale molto efficace, sta lavorando bene  ed entro l’estate potrebbe completare le vaccinazioni per tutti secondo le regole e rispettando le priorità e i turni stabiliti”.