Copre tracce morte operaio sul lavoro, denunciato imprenditore edile

Avrebbe coperto la morte di un operaio edile di 60 anni, facendola passare come una caduta accidentale dal tetto di un’abitazione e facendo cancellare le tracce di sangue nel cantiere da un suo dipendente. E’ l’accusa contestata da carabinieri a un imprenditore edile di 46 anni che è stato denunciato da militari dell’Arma della locale stazione per omicidio colposo derivante da violazioni delle norme per la prevenzione sul lavoro.

Deferito alla magistratura, per le responsabilità penali del caso, il committente dei lavori, un 82enne, e un muratore di 36 anni per favoreggiamento personale.

La vicenda risale allo scorso 12 febbraio quando l’operaio 60enne è stato ricoverato nell’ospedale Cannizzaro di Catania dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico a causa di politraumi derivanti dalla caduta dal tetto di un’abitazione di Ramacca, dov’erano in corso lavori di rifacimento della copertura. Tre giorni dopo l’uomo è deceduto.

In un primo momento l’imprenditore aveva sostenuto che l’operaio era caduto casualmente dal tetto di un’abitazione privata di Mineo dove lui era intento, per conto proprio, alla sistemazione di un’antenna televisiva, e che la vittima era salita sul tetto solo per dargli una mano a titolo personale. Indagini dei carabinieri e la visione di immagini di riprese di sistemi di videosorveglianza della zona indicata hanno fatto emergere un’altra ricostruzione investigativa: la vittima stava lavorando in nero e in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro in un cantiere edile a Ramacca, per il rifacimento di un tetto eseguito dall’impresa del 46enne.

Inoltre i carabinieri hanno accertato che il 36enne, dipendente della ditta, su precisa indicazione dell’imprenditore, aveva provveduto a lavare le tracce di sangue sul pavimento del cantiere, per eludere le indagini nei confronti del suo datore di lavoro. Il cantiere, in attesa di ulteriori rilievi tecnici, è stato sottoposto a sequestro.