giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeCronacaMafia. Maxi-sequestro dei beni di Lucchese, Sos Impresa-Rete per la Legalità: "sempre...

Mafia. Maxi-sequestro dei beni di Lucchese, Sos Impresa-Rete per la Legalità: “sempre più distanza tra imprenditori collusi e imprenditori che operano alla luce del sole”

Complimenti ai finanzieri del Comando provinciale di Palermo per l’operazione “Schiticchio” che ha portato al maxi-sequestro da 150 milioni di euro al “re” dei supermercati Carmelo Lucchese. Giungono dal presidente di “Sos Impresa Sicilia”, Matteo Pezzino, e dal coordinatore regionale della Sicilia di “Rete per la legalità”, Pippo Foti, evidenziando come, grazie alla Direzione distrettuale antimafia e sulla base degli accertamenti svolti dal Gico del Nucleo di Polizia economico-finanziaria, si sia riusciti a delineare il profilo di “un soggetto socialmente pericoloso in quanto appartenente, anche se non partecipe, al sodalizio mafioso”.

“Tutto questo – affermano i due rappresentanti antiracket siciliani — , alla luce della vicinanza con esponenti di vertice della consorteria bagherese, grazie alla quale è riuscito a espandersi economicamente nel settore, acquisendo con l’intervento di cosa nostra ulteriori attività commerciali; scoraggiare la concorrenza anche attraverso atti di danneggiamento, risolvere controversie sorte con alcuni soci, ottenendo in loro pregiudizio la possibilità di rilevare l’impresa contesa“.

Un altro colpo messo a segno da forze dell’ordine e magistratura, che rafforza la distanza tra quegli imprenditori che seguono la strada della legalità per contribuire alla crescita del tessuto socio-economico del nostro Paese e gli imprenditori che si muovono nel terreno dell’illegalità.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments