Fsi-Usae scrive al Presidente Draghi: “Accelerazione sulle vaccinazioni, spazio alle professioni sanitarie della prevenzione e libera professione”

Fsi-Usae indirizza al Presidente Draghi una lunga ed articolata lettera in cui indica quelle che definisce le priorità per il paese in cui tocca tutti i temi caldi del momento in cui stigmatizza i problemi e le necessità del paese offrendo la propria visione e le relative proposte cominciando dal piano vaccini per proseguire con il Recovery Plan e affrontare poi le riforme del Fisco, della Pubblica Amministrazione, della Giustizia e della Scuola.

Sulla sanità Fsi-Usae punta subito in alto: “Chiediamo di procedere con una fortissima accelerazione sulle vaccinazioni: si dia spazio alle professioni sanitarie infermieristiche e della prevenzione e si recidano i lacciuoli esistenti, si autorizzi la libera professione, così il nostro Ssn sarà in grado di provvedere in proprio alla prevenzione vaccinale anche senza fermare i normali flussi di lavoro, attingendo alle risorse umane e professionali che già possiede”afferma il Segretario Generale, Adamo Bonazzi, che anche per quanto concerne il Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) affronta al primo punto la necessità di potenziare la sanità territoriale e nel contempo valorizzare le nuove professioni sanitarie, indicando poi una serie di proposte nel merito, precisa subito la visione della Federazione: “Noi desideriamo una sanità differente, che dia il giusto peso agli operatori e che sia percepita dai cittadini come un valore aggiunto e siamo quindi per– una sanità senza padrini e senza padroni – che non è uno slogan ma un obiettivo” e continua – “tale obiettivo non si può conseguire facendo scempio delle risorse umane e professionali, in dotazione al Ssn, che costituiscono un patrimonio di competenze ed eccellenze che il mondo intero ci invidia”.