Procedure snelle che liberino risorse immediate a garantire servizi essenziali per gli alunni disabili delle scuole trapanesi

Disabili manifestano davanti il Ministero dell'Economia e delle Finanze in via XX settembre, 12 giugno 2013 a Roma. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

<<Non possiamo lasciare nella disperazione i genitori dei ragazzi disabili che non possono lasciare i loro figli privi dell’aiuto necessario a poter viver dignitosamente la loro esistenza. Ancor più in questa fase di emergenza sanitaria in cui occorre garantire l’apprendimento in presenza degli alunni disabili>>.A farlo presente è Antonella Granello della Segreteria CGIL Prov.le con delega sulle Politiche Sociali e Socio Sanitarie.

La situazione negli anni tende a peggiorare. Per questo, la Cgil, che da anni si batte per l’inclusione e l’affermazione di tutti i diritti di cittadinanza delle persone con disabilità. << Avevamo avuto rassicurazioni in un incontro tenutosi ad ottobre, assieme a Cisl e Uil con la presenza dell’Assessore alle Famiglie e alle politiche Sociali, dell‘Assessore alla Salute, con l’Anci Sicilia ed l’Ufficio Scolastico regionale.

<<In quell’occasione – sostiene Elvira Morana del Dipartimento Politiche Socio- Sanitarie CGIL Sicilia – fu chiesto che vengano subito incrementati i finanziamenti e che venga rafforzata e assicurata a tutte le persone più fragili la formazione e l’inclusione scolastica, che ad oggi è ancora un diritto poco garantito”. Fu garantito di trovare una soluzione definitiva per garantire l’assistenza igienico personale e alla comunicazione a tutti gli studenti disabili, che in Sicilia sono 27.623, e allo stesso tempo scongiurare il rischio licenziamento per 2.000 operatori”.

Obiettivo condivido fu dare piena attuazione alla delibera di giunta regionale del 23 luglio in merito , specificando che le attività di cui trattasi non sono da sottoporre a progettualità aggiuntive ma rientrano a pieno titolo nel Progetto individuale per il recupero e l’integrazione sociale a cura degli enti locali, che la Scuola in collaborazione con l’Asp include nel Progetto educativo individualizzato .

<< Abbiamo notizia e crediamo che sia positivo – dichiarano Antonella Granello ed Elvira Morana – che si stia prevedendo di creare un capitolo specifico nel bilancio regionale specificatamente per l’assistenza igienico-sanitaria agli studenti e alle studentesse con una dotazione di 5 milioni, ma occorre garantire che la copertura finanziaria per l’assistenza e la comunicazione sia per tutto l’anno non rimanga bloccata . Come ribadito nell’ultimo incontro Regionale e per la quale insisteremo , occorrono procedure più snelle e che diano continuità di servizi , dall’inizio alla fine di ogni anno scolastico, affinché le famiglie non subiscano ulteriori mortificazioni e vengano garantiti i servizi essenziali di cui hanno diritto i loro figli , come il diritto alla frequenza degli alunni grazie alla professionalità di alcune figure lavorative di cui il nostro territorio non può farne a meno >>