Finocchiaro (Confedercontribuenti): “sia una rottamazione compatibile con le difficoltà che gli italiani e le imprese stanno vivendo”

“La nuova rottamazione sia compatibile con le difficoltà che gli italiani e le imprese stanno vivendo in questo ultimo anno”. Il monito arriva dal Presidente nazionale di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, secondo il quale “serve che non sia frutto di scelte burocratiche prive di ogni collegamento con la realtà, ma un vero e proprio rientro del pagamento delle imposte e delle tasse non solo compatibili con i conti economici delle aziende, ma anche compatibili con i redditi effettivi delle persone. Per questo, rilanciamo in maniera seria una rottamazione che affronti il rientro del debito degli italiani, non eccedendo il quinto del reddito di ogni impresa o di ogni contribuente. Purtroppo -aggiunge il presidente nazionale di Confedercontribuenti– lamentiamo che ancora una volta gli italiani siano stati trattati come sudditi, non avendo ad oggi (primo giorno di scadenza, anche se è arrivato il comunicato del ministero dell’economia e delle Finanze) avuto cognizione delle nuove norme che verranno adottate. Credo –prosegue il presidente Finocchiaro– che il governo Draghi e il ministro Franco devono assolutamente affrontare le questioni concertandole con chi rappresenta le imprese e i contribuenti e ascoltando assolutamente i problemi che derivano dal Paese. Solo così –conclude il Presidente nazionale di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro– usciremo insieme con una compliance che porterà risultati per lo Stato e per i contribuenti.