Sunia su intervento di riqualificazione a Ballarò

“Mettere sempre al primo posto le esigenze abitative e gli interventi per gli alloggi. Il progetto in corso ha un impatto ambientale che non ci appare adeguato”.

“Bene fa l’Istituto case popolari a intervenire, come sta facendo a Ballarò,  nelle borgate cittadine. Chiediamo allo Iacp interventi mirati in tutti i quartieri per restituire ai cittadini spazi di servizio alla collettività, recuperando tutte le strutture da anni abbandonate all’incuria e al degrado. E chiediamo che questo avvenga  contemplando al primo posto  il rispetto delle esigenze abitative e anche, perché no, che si valuti l’impatto architettonico e ambientale:  la costruzione in ferro della tettoia, con pannelli colorati sul tetto che si possono apprezzare solo da un elicottero, appare come un pugno nell’occhio anche rispetto alla chiesa nella piazza. A noi  sembra  disarmonica e sproporzionata”.   

Lo dichiara il segretario del Sunia Palermo Zaher Darwish, a proposito del primo degli interventi di riqualificazione in corso a Ballarò,  dell’importo complessivo lordo di 1.411.274 euro, che prevede il recupero di due immobili in via Chiappara, nel quartiere Albergheria, per la realizzazione cinque alloggi di edilizia popolare e di una struttura coperta per il mercato del pesce, già  in fase di attuazione.     

“Di fronte a una situazione di povertà sempre crescente a Palermo aggravata dalla pandemia, con  3 mila famiglie che  vivono in condizioni disagiate e più di 300 persone senza fissa dimora,  serve un’offerta abitativa adeguata per chi  ha un reddito basso e non può pagare un affitto. Chiediamo  – aggiunge Darwish –  di dare spazio prioritario a interventi di riqualificazione integrati nei quartieri, che  mettano al primo posto le esigenze abitative delle famiglie in difficoltà  e che rappresentino  una sintesi tra la spesa prevista e i servizi da offrire, per evitare errori e sprechi”.

Per questo, dice il Sunia,  sollecitiamo un maggiore confronto con l’Iacp, “impegnato nella progettazione di interventi che hanno un alto costo comportano un  forte impatto sociale e ambientale”

“La costruzione in ferro, al mercato storico Ballarò, da questo punto di vista,  e condividiamo le osservazioni fatte dall’Università, non ci sembra del tutto integrata in un contesto in cui, tra l’altro, mancano tanti  servizi e sono troppe le case ancora abitate ma  a rischio crollo – prosegue Darwish –  La  gente del posto chiede prima di ogni cosa case adeguate, servizi pubblici efficienti,  e un welfare sociale che pensi a ogni aspetto della vita di vive in emergenza.  La  sera lo spazio addosso ai recinti del cantiere si trasforma in una  discarica piena di sacchi d’immondizia. Così il degrado rimane e non basta una nuova e colorata copertura a cancellarlo. Per questo chiediamo all’Iacp una condivisione delle esigenze per realizzare interventi che rispondano ai bisogni primari  delle borgate e che siano bilanciati dal punto di vista dell’incidenza dei  costi e della resa. Se ci si accorge che servono modifiche ai progetti, anche in corso d’opera,  riteniamo che si possono sempre apportare”.