Calatino, in arrivo oltre 5,5 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e del territorio

A beneficiarne saranno i Comuni di Caltagirone, Vizzini e San Cono. Rizzo (M5S): “È l’ultimo tassello fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle durante il governo Conte 1  per contrastare il dissesto ideologico”

In arrivo  nel Calatino oltre 5,5 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e del territorio.  Con decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, del 23 febbraio 2021, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 3 marzo scorso,  sono stati determinati i Comuni a cui spetta il contributo previsto dalla legge di bilancio 2019 varata dal governo Conte 1, da destinare ad investimenti relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio.

In particolare, per l’anno 2021, i contributi in questione ammontano complessivamente a  1 miliardo e 850 milioni di euro. A tre Comuni del Calatino andranno 5.659.566 euro, e precisamente: a Caltagirone 2.919.566 euro per quattro progetti, a San Cono 360.000 euro per un progetto  e a Vizzini 2.380.000 euro per  5 progetti.

L’ammontare del contributo attribuito a ciascun ente è stato determinato prioritariamente per favorire gli investimenti di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico.

“I fondi erogati quest’anno – afferma il deputato 5stelle alla Camera, Gianluca Rizzo –  rappresentano l’ultimo tassello di un progetto fortemente voluto dal Movimento5Stelle durante il Governo Conte 1, per un tema, quello del dissesto idrogeologico, che abbiamo sempre tenuto in forte considerazione. Questa è la dimostrazione concreta che la politica, quando vuole, può e deve trovare le risorse necessarie a salvaguardare il territorio e a proteggere i suoi cittadini. Una concretezza che tramite il nostro impegno al governo ha finalmente trovato il giusto riscontro”.