Collesano, “dittatura amministrativa” e “cavalieri mascherati”

Collesano, “dittatura amministrativa” e “cavalieri mascherati” Definito “porta delle Madonie”, Collesano gode di un’ottima ubicazione che permette il passaggio e la sosta a tutti i visitatori della riserva naturale del Parco delle Madonie. Seppur per definizione esso sia un luogo ospitale ed accogliente, a detta di alcuni cittadini non si può dire altrettanto dell’amministrazione comunale che vige attualmente. Tante le segnalazioni arrivate di commenti provenienti dalla pagina ufficiale del comune di Collesano nel social network Facebook che sono stati visti come “offensivi ed indirizzati a ledere”,  tra i più chiacchierati vi è il commento rivolto nei confronti di un ex assessore “..anche tu sei ossessionatissimo.” E ancora “ma non ti occupavi di braccialetti cinesi?”. E’ parer comune affermare che “cinesi” non sia di certo un’offesa, ma lo è altrettanto constatare l’ambiguità dell’emittente del commento.I cittadini raccontano che i commenti discordanti il pensiero dell’amministrazione comunale vengono eliminati, resi invisibili o che addirittura il “commentante” venga bloccato senza più avere la possibilità di scrivere. A questo proposito anche l’opposizione si è espressa “Può un sindaco sbroccare per una semplice segnalazione? Può un sindaco riprendere, uno ad uno, tutti i cittadini che hanno commentato con assoluta civiltà..?”, aggiungono “Può un amministratore lagnarsi di una segnalazione come se fosse un attacco alla sacra persona del re quando da semplice cittadino ne faceva anch’egli?”. Lo stesso contendente al ruolo di sindaco, poi consigliere Michele Iannello, si sia dimesso dal suo ruolo portando come motivazione la volontà di salvaguardare, se stesso, il suo lavoro e la sua famiglia dato che erano stati messi in pericolo da denunce e diffamazioni dell’attuale sindaco.
 A quanto pare i “segnalatori” non si sono dati per vinti, dando via al fenomeno dei “cavalieri mascherati” altro non sono che profili fake che difendono il loro onore smascherando quelle che a loro dire sono ingiustizie, incongruenze ed incoerenze dell’amministrazione vigente.  Dal suo canto il sindaco G.B Meli non si esprime, perpetua la sua lotta contro i segnalatori e si dice sicuro di vincere anche le prossime elezioni, a questo proposito dichiara “vincerò anche le prossime elezioni, dimostrando ai collesanesi che il sacrificio e l’impegno mio e del mio gruppo cambierà il volto e le aspettative del nostro paese.”  Di certo il volto del paese sta già cambiando, saranno i posteri a stabilire se in meglio o in peggio.
Riusciranno i “cavalieri mascherati” a spodestare sindaco e giunta o il loro mandato si concluderà in maniera tanto tranquilla da ricandidarsi e rivincere?