Aria di primavera al mercato, asparagi e fragole sul podio

L’arrivo nei mercati dei primi asparagi e delle fragole in questa settimana è il segnale della primavera ormai alle porte. Due prodotti che svettano nella classifica stilata da La Borsa della Spesa dei Bmti sui dati rilevati nei mercati all’ingrosso della Rete di imprese Italmercati. Due prodotti che hanno risentito in qualche modo del clima degli ultimi mesi. Gli asparagi hanno prezzi all’ingrosso al di sopra della media stagionale, oscillando tra i 4 e i 5 euro/chilo, perchè l’aumento della richiesta non è ancora accompagnato da una produzione abbastanza elevata a causa delle basse temperature notturne. Per le fragole, invece l’aumento di produzione ha portato ad un ribasso del prezzo che oscilla tra i 4 e i 5 euro/chilo.

Analizzando le altre produzioni, in cima alla classifica de La Borsa della Spesa per la buona qualità e i prezzi medio-bassi ci sono i cavolfiori che vanno da 0,70 a 1,20 euro/chilo per i quali si è verificato un calo della domanda tipico di questa stagione. Bene anche i radicchi la cui produzione è in esaurimento poiché l’aumento della temperatura sta portando rapidamente alla fioritura del prodotto limitandone la produzione. Per quanto riguarda la frutta, invece, ci sono le arance rosse tarocco ottime per spremute, grazie alla loro qualità, con prezzi nella media per i calibri maggiori che vanno da 1,20 a 1,50 euro/chilo. Molto buone anche le mele con listini medi che vanno dal 1,40 a 1,50 euro/chilo per il calibro maggiore.