Di Giacomo: “Fabrizio Corona solo la punta dell’iceberg,nelle carceri italiane almeno 4500 detenuti con problemi psichiatrici

Le immagini di Fabrizio Corona con il viso insanguinato e le braccia tagliate sono quelle
che tutti i giorni vediamo nelle carceri italiane. Negli istituti penitenziari della penisola
ci sono 9 detenuti ogni 100 con problemi psichiatrici. La percentuale più alta soffre di
disturbi nevrotici e di reazione alla detenzione. Il 30% di malattie psichiatriche
collegate all’abuso di droghe e di alcool. Il 15% di psicosi. A sostenerlo è Aldo Di
Giacomo, segretario generale del Sindacato di Polizia Penitenziaria S.PP.: “i detenuti
con problemi psichiatrici certificati sono circa 1300, di cui 630 circa ospitati nelle 30
REMS (REsidenza per le Misure di Sicurezza) disponibili e oltre 700 in attesa di
entrarvi. Le regioni con più detenuti in attesa sono la Sicilia con circa 140 detenuti, la
Calabria con 120 e la Campania con 100. Il problema psichiatrico nel carcere è da
sempre sottovalutato e sottodimensionato. Le scene che abbiamo visto di Fabrizio
Corona con le braccia tagliate sono quelle che quotidianamente vediamo e dobbiamo
gestire nelle carceri italiane. Gli episodi di autolesioni di detenuti con difficoltà
psichiatriche sono circa 10 ogni giorno, 4 sono le aggressioni che quotidianamente i
poliziotti penitenziari subiscono da detenuti con problemi psichiatrici e 2 sono i
tentativi di suicidio che la polizia penitenziaria riesce ad evitare. Sempre le immagini di
Corona ci evidenziano la difficoltà di gestione di detenuti in stato di alterazione
psicologica e la difficoltà di contenere gli stessi per riportarli alla tranquillità. È
condivisibile la raccolta di firme per evitare che le persone con problemi psichiatrici
finiscano in carcere, ma che scontino la loro pena in centri di cura per la riabilitazione
e la rieducazione. Questo principio però non può e non deve valere solo per le
persone note come Fabrizio Corona. Appare evidente che il problema debba essere
affrontato in modo più organico e generale con l’introduzione di norme specifiche che
evitino che le persone con problemi psichiatrici riconosciuti entrino in carcere”.
Conclude Di Giacomo: “in un sistema in cui la pena deve essere scontata da tutti, non
si può o non si deve trattare meglio chi è più famoso”.