Palermo: benvenuto a Matteo Salvini nella nuova sede regionale della Lega Sicilia

Accogliamo con grande piacere ed entusiasmo il nostro leader Matteo Salvini nella nuova sede della Lega Sicilia a Palermo. E’ stata l’occasione intanto per fare il punto sul “Dossier Sicilia” che gli avevo già consegnato nelle scorse settimane e che torna nelle sue mani completato e arricchito con le richieste, le segnalazioni e le istanze che i nove gruppi provinciali della Lega hanno raccolto e stilato. Ogni singolo promemoria avrà la massima attenzione sua e della Lega nazionale e per questo lo ringrazio anticipatamente mentre per quanto riguarda i tre pilastri su cui poggia l’impianto del Dossier la nostra intesa è totale. Le grandi priorità sono: il completamento dell’anello autostradale siciliano (dal sud est fino a Trapani), un ammodernamento autentico e definitivo della rete ferroviaria con treni ad alta velocità e un intreccio virtuoso tra green economy e gestione dei rifiuti in Sicilia basata sulle nuovissime tecnologie. Poi abbiamo esaminato la nuova struttura della Lega Sicilia nel territorio, competente ed agile grazie da un lato ad un gruppo dirigente consolidato e composto da uomini e donne che da anni lavorano benissimo per il partito e dall’altro agli innesti di nuovi dirigenti locali pieni di voglia di fare. Infine gli Stati Generali del Turismo fissati in Sicilia per il 7 e 8 maggio. Sarà un’occasione più unica che rara per rilanciare la nostra isola e uscire dal dramma economico, sociale e psicologico causato dalla pandemia. Su questo punto voglio ringraziare davvero di cuore Matteo Salvini e il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia: entrambi hanno compreso subito la portata e il significato dell’idea e non hanno perso un minuto per aiutarmi a concretizzarla. Voglio aggiungere che questa sede, questa nuova dimensione “fisica” e “logistica” del nostro partito a Palermo è il simbolo di come la Lega sia sempre più presente e incisiva in tutta la Sicilia ed è anche lo spunto per un’ultima e breve considerazione politica su quanto è stato fatto nei primi tre mesi del 2021, pur nelle condizioni anomale e complesse legate alla pandemia. Il numero e la qualità delle nuove adesioni alla Lega Sicilia meritano una rivendicazione, non certo per autoincensarsi quanto per avere ben chiara la situazione proprio in occasione della visita di Matteo a Palermo. Perché in poche settimane in ogni porzione di territorio siamo stati in grado di attrarre consenso al progetto della Lega Sicilia. La creazione di un intergruppo parlamentare all’Ars assieme al Movimento per la Nuova Autonomia è solo l’ultimo, qualificato e benvenuto tassello, in ordine di tempo, di un mosaico che man mano ha preso forma e sostanza. Sono recentemente entrati nella Lega Sicilia personaggi di indiscusso valore e di grande esperienza della vita politica regionale e tantissimi giovani. Vincenzo e Sabrina Figuccia e Roberta Cancilla a Palermo, Alessandro Porto ed Emanuele Nasca a Catania, Enzo Vinciullo a Siracusa, Nino Beninati a Messina, Vincenzo Giambrone ad Agrigento e Giovanni Occhipinti a Ragusa li voglio citare: hanno portato con sé il grande capitale umano e politico dei gruppi e movimenti a loro legati ma l’elenco è molto, molto lungo. E poi, soprattutto, ci sono tantissimi altri uomini e donne, ragazzi e ragazze che recentemente hanno scelto la Lega Sicilia per rappresentare le proprie idee ed esigenze e per essere rappresentati nelle sedi istituzionali. Questa loro scelta carica ancora di più di onori ed oneri la mia responsabilità di segretario regionale. Non a caso il mio motto è #andiamoavanti, e andremo avanti con tutte queste persone che stanno dando fiducia alla Lega Sicilia e assieme al nostro leader, Matteo Salvini, a cui oggi abbiamo dato il benvenuto nella nostra nuova sede.