Marsala Volley per la partita contro Macerata promotore della iniziativa “Fiocchetto Lilla”

Marsala Volley per la partita contro Macerata promotore della iniziativa “Fiocchetto Lilla”, inerente
ai disturbi del comportamento alimentare accusati dai giovani

Il sodalizio Marsala Volley aderisce alla campagna di sensibilizzazione “Fiocchetto Lilla” in sinergia con il Comitato Regionale FIPAV Sicilia. Per porre l’attenzione sui disturbi del comportamento alimentare tra i giovani, Marsala Volley aderisce alla Campagna denominata “Fiocchetto Lilla”.

In occasione della gara casalinga di mercoledì 31 marzo alle 17h00 contro la Balducci Macerata, le azzurre di casa allo schieramento in campo, in occasione dei saluti tra le squadre, porteranno come simbolo della campagna un simbolico Fiocchetto Lilla. Il Fiocchetto Lilla sarà donato anche ad ogni atleta della squadra avversaria. Con concrete possibilità che l’evento venga ripetuto nel corso di questa complessa Pool Promozione che si prospetta lunga.

Anche il Settore Giovanile del Marsala Volley parteciperà alla campagna di sensibilizzazione portando il Fiocchetto Lilla e condividendo le foto sui social network. L’iniziativa “fiocchetto Lilla” nasce dalla collaborazione con le associazioni “ilfilolilla APS-ETS; “Progetto Clinico le Ginestre” e il “Centro Clinico Ananke di Gela, il cui fine è quello di raggiungere attraverso il simbolo del “FIOCCHETTO LILLA” i giovani e quanti gravitano intorno al mondo dello Sport.

L’obiettivo è sviluppare uno sguardo sensibile verso le problematiche che investono la questione del peso corporeo, della forma fisica per intercettare sul nascere la sofferenza psichica legata ai disturbi del comportamento alimentare, che sono oggi la seconda causa di morte tra i giovani: intercettare in tempo utile i primi segnali è fondamentale, pena la compromissione della qualità di tutta la vita di un giovane. Così fare prevenzione è un dovere di tutti noi, anche per voce del mondo dello Sport.

Scegliere condotte di vita sane, utilizzando la pratica sportiva come via sana per costruire una vita di relazione serena e soddisfacente è una buona pratica.

“In tutto ciò saper chiedere aiuto agli educatori e saper sostenere i coetanei in difficoltà è di vitale importanza. Così che nessuno si senta solo e tutti insieme possiamo avere cura per l’altro” – si legge nelle motivazioni delle associazioni che in modo univoco hanno avanzato l’iniziativa sulla socialità -.