Belpasso: la “tariffa puntuale” è realtà

Belpasso è città siciliana virtuosa per la differenziata ma l’Amministrazione del sindaco Daniele Motta non vuole adagiarsi sugli allori, piuttosto cercare sempre di migliorarsi. Oggi, infatti, con l’assessore all’Ecologia, Andrea Magrì, si può parlare di tariffazione puntuale, un potente strumento di innovazione del servizio gestione rifiuti, che consente di realizzare:

  • incremento della raccolta differenziata
  • riduzione della secco residuo (indifferenziata)
  • miglioramento del servizio in termini di efficacia, efficienza e gradimento degli utenti. 

Da oggi a Belpasso, quindi, chi più e meglio differenzia tra i cittadini, meno pagherà in bolletta. La tariffa puntuale, infatti, è un sistema di calcolo della tariffa rifiuti (TA.RI) legato alla reale produzione degli stessi rifiuti. Non si basa più solo sul metodo presuntivo e sul criterio dei metri quadrati dell’immobile, ma anche su quanti rifiuti sono prodotti e differenziati, che gli addetti ai lavori desumeranno grazie ai codici a barre di cui sono dotati tutti i mastelli e grazie al peso dell’indifferenziato che ogni famiglia produrrà settimanalmente.

Il Comune, inoltre avvisa la cittadinanza: se il proprio mastello (color grigio del secco residuale) è rotto o inutilizzabile o ancora se si è neo residenti del Comune di Belpasso, è possibile farne richiesta recandosi presso l’isola ecologica comunale.