Vertenza Picchettini, sindacati chiedono un incontro alle Istituzioni per le garanzie occupazionali dei lavoratori

“La vertenza dei lavoratori della Cooperativa Picchettini non è ancora conclusa. Per 18 di loro non è ancora stata trovata alcuna soluzione occupazionale. Da quando è iniziata la vertenza, oltre al confronto costante con la Prefettura, ci siamo rivolti alle Istituzioni e alla Politica affinché si trovassero soluzioni per questi lavoratori. Abbiamo chiesto, e poi sollecitato, un incontro alla V Commissione Lavoro della Regione siciliana che avevamo già incontrato all’inizio della vertenza, ma ad oggi non abbiamo avuto nessuna riposta”. A dichiararlo sono i segretari di Fim Fiom Uilm Antonio Nobile, Angela Biondi e Vincenzo Comella. Trentasei lavoratori sono stati ricollocati all’interno di tre aziende dell’indotto Fincantieri e altri hanno maturato, o stanno maturando, i requisiti per accedere alla pensione. Nessuna risposta invece sui restanti 18. “Le Istituzioni, ma soprattutto la Politica non può abbandonare questi lavoratori. Né il Presidente della Regione né l’assessore alle Attività Produttive né quello al Lavoro ci hanno mai risposto. Chiederemo nuovamente al Prefetto di intervenire affinché l’impegno preso in quella sede, cioè quello di trovare soluzioni per tutti i lavoratori che nulla hanno che fare con le questioni che hanno generato il problema, si traduca in una concretezza occupazionale. Per noi la vertenza rimane aperta finché non si troverà soluzione per tutti”.