Palermo, covid: medici volontari Omceo vaccinano nella Chiesa San Vincenzo De Paoli

Il presidente dei medici Toti Amato “Il nostro primo dovere è la solidarietà”

E’ partita alle 8 la vaccinazione anti covid dei cittadini di età compresa tra i 69 e i 79 anni nelle chiese grazie anche al contributo volontario dei medici dell’Ordine di Palermo che hanno accolto l’appello lanciato dalla Conferenza episcopale siciliana (Cesi) e dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci.

Tra i molti medici vaccinatori volontari che stanno operando nelle parrocchie indicate dalla Cesi, a praticare la somministrazione nella Chiesa di San Vincenzo di via dei Quartieri anche il presidente dei medici Toti Amato, membro della Fnomceo, il consigliere dell’Omceo di Palermo Antonio Iacono, anestesista e rianimatore, e Mirella Milioto, dermatologo pediatra.

“I colleghi hanno aderito senza pensarci un attimo – ha detto Amato -. La loro presenza dimostra la vera natura del medico. Il nostro primo dovere è la solidarietà. Vaccinare quanto più possibile e prima possibile è l’unica strada percorribile, ma non è la sola. Per uscire da questo stato di stanchezza interminabile che sta mettendo tutti a dura prova serve innanzitutto una grande alleanza tra scienza, cittadini e istituzioni”.

La Chiesa San Vincenzo de Paoli è una delle 300 parrocchie delle 18 Diocesi dell’Isola indicate nell’accordo che la Regione siciliana ha raggiunto con la Conferenza Episcopale per somministrare il vaccino nella giornata del Sabato Santo. 

I medici volontari hanno accolto l’appello a titolo gratuito