Picchettini, oggi incontro all’Ars. Fim Fiom Uilm: “si mantenga impegno assunto oggi per i 18 lavoratori”

VERTENZA PICCHETTINI, INDOTTO FINCANTIERIFIM FIOM UILM: OGGI INCONTRO ALLA V COMMISSIONE DELL’ARS. IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO LAVORORASSICURA I SINDACATI FACENDOSI CARICO DEL PERCORSO DI RICOLLOCAZIONE DEI 18 LAVORATORI RIMASTI FUORI

“Prendiamo atto delle dichiarazioni del dirigente generale del Dipartimento regionale del Lavoro e dell’Impiego che si è assunto la responsabilità del buon esito di questa vertenza che come Fim, Fiom e Uilm portiamo avanti ormai da sei mesi e che, comunque, ha già visto ricollocare 36 lavoratori”. A dichiararlo sono i segretari generali di Fim Fiom Uilm Palermo Antonio Nobile, Angela Biondi e Vincenzo Comella dopo l’incontro programmato dalla V Commissione dell’ARS sulla vertenza Picchiettini e in particolare sulla restante parte dei lavoratori della cooperativa, 18 in tutto, che a tutt’oggi non hanno ancora ottenuto una tutela occupazionale. All’incontro, oltre al Presidente della Commissione Sammartino, era presente anche Gaetano Sciacca, dirigente generale del Dipartimento regionale del lavoro e dell’impiego. Dopo che le Federazioni di categoria hanno comunicato alla Commissione la situazione aggiornata di questi lavoratori, il dirigente del Dipartimento, è intervenuto dichiarando che si farà carico di convocare  Fincantieri, della quale ha sottolineato la ricorrente assenza alle convocazioni della Commissione, anche coinvolgendo la Prefettura. Sciacca ha infatti sostenuto che la stessa Fincantieri, dovrà assicurare la ricollocazione di tutti i lavoratori dato che si è trattato di una forma di cambio di appalto. Per i Segretari di Fim Fiom Uilm  “Rimangono ancora 18 lavoratori, per i quali si devono trovare soluzioni per il reinserimento nel ciclo produttivo come abbiamo chiesto sin dall’inizio della vertenza. Ci aspettiamo, quindi, che l’ING. Sciacca ci riconvochi in tempi rapidi, così come si è impegnato a fare, per comunicarci quando i lavoratori torneranno a lavorare.”