Sviluppo del territorio: Associazione Zone Franche Montane aderisce a Next Generation EU

Venerdì 16 aprile, alle ore 18.00, sulla piattaforma Meet sarà presentato l’accordo di condivisione progetto “Next Generation EU – Europa Comune” che coinvolge l’Associazione Zone Franche Montane di Sicilia, il Centro Studi Enti Locali di Pisa e il Dipartimento Economia e Management dell’Università di Pisa, per sostenere i comuni coinvolti a massimizzare le risorse del Piano nazionale di Ripresa e resilienza e del Recovery Fund nello sviluppo del territorio.

Presenti l’amministratore delegato del Centro Studi, Nicola Tonveronachi, il docente Iacopo Cavallini – Dem Unipi, Vincenzo Lapunzina, presidente dell’associazione e coordinatore del Comitato ZFMS, modera il giornalista Francesco Selvi. Sarà possibile unirsi all’incontro attraverso il link https://meet.google.com/ayr-gctx-zxa. L’invito è esteso ai giornalisti e agli amministratori.

L’Associazione Zone Franche Montane riunisce 133 Comuni delle nove province siciliane che insistono al di sopra dei 500 metri sul livello del mare e con una popolazione inferiore ai 15 mila abitanti. Costituita formalmente nel 2021 ma impegnata già dal 2015 nella promozione dello sviluppo dell’economia e per la cultura d’impresa delle terre alte di Sicilia. Si batte per l’attuazione di una fiscalità di sviluppo e di una norma a difesa del diritto di residenza nelle comunità montane.

Centro Studi Enti Locali, con sede in San Miniato (Pi), con un team di oltre 35 persone e 13 delegazioni territoriali sparse in tutta Italia, è da oltre 20 anni uno dei soggetti leader in Italia nell’ambito della consulenza contabile, giuridica e amministrativa per gli Enti e delle Società pubbliche ed i rispettivi Revisori. Nell’arco dei due decenni di attività, la Società ha servito oltre 37mila clienti, con un trend in costante crescita.