mercoledì, Agosto 17, 2022
HomePoliticaCaltagirone, via al nuovo movimento politico che converge verso il "centro"

Caltagirone, via al nuovo movimento politico che converge verso il “centro”

Nuovo movimento politico in vista delle prossime elezioni amministrative

CALTAGIRONE, UN NUOVO “CENTRO” PER RIATTUALIZZARE STURZO

Parisi e Lirosi a lavoro per costruire la rete dei moderati
«Disponibili a dialogo e alleanze per allargare i perimetri del centrodestra e del centrosinistra»

Una proiezione del pensiero sturziano nel contesto contemporaneo, fedele alla storica lezione del sacerdote calatino, per intraprendere la strada del “centrismo” e per fissare nuovi confini tra gli attuali poli di destra e di sinistra. È questa l’anima del nuovo movimento nato “dal basso” a Caltagirone in vista delle prossime elezioni amministrative. Un progetto politico, animato dalla passione di Fortunato Parisi e Francesco Lirosi (che hanno entrambi ricoperto ruoli istituzionali a Caltagirone)che proprio in questi giorni stanno riunendo intorno ai valori di Sturzo, quei cittadini nostalgici di un passato fatto di alleanze che ruotavano intorno all’area moderata e riformista.

«Nonostante il sedimentarsi di molteplici cambiamenti sociali, economici, istituzionali e politici – spiegano Lirosi e Parisi – Caltagirone rimane ancora oggi fortemente legata ai valori del fondatore del Partito Popolare, protagonista di un dialogo sociale e culturale costruttivo che ha caratterizzato parte del Novecento. Oggi vogliamo riappropriarci di quel passato e ripuntare l’attenzione sui bisogni della gente, senza troppi esercizi politici e mistificazioni ideologiche. Fare memoria dell’impegno politico di don Sturzo, è un atto di responsabilità nei confronti delle nuove generazioni, con l’obiettivo di costruire una società civile improntata sul buon governo cittadino e sulla logica del fare. Il sistema politico degli ultimi decenni non ha raggiunto approdi stabili e condivisi, presentandosi ormai vuoto di contenuti, di etica, di proposte, di visioni: vogliamo adesso ribaltare questo sistema».

«Proprio in questi giorni siamo fortemente impegnati nella costruzione di una rete territoriale “moderata” –  continuano Lirosi e Parisi – Alla luce delle parole del  segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo, che in un’intervista a LiveSicilia ha aperto le porte alle “forze moderate e democratiche”; e del sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, che all’Ansa ha dichiarato “largo spazio anche ai moderati” (nello schieramento fatto da Pd e M5s per provare a scalzare il centrodestra dalla guida della Regione Siciliana), ci rendiamo disponibili per organizzare un tavolo con il fine di aprire un dialogo e guardare al prossimo appuntamento elettorale con rinnovato spirito di fiducia».

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments