Ex province. Cerami confermato Commissario straordinario a Trapani

Con apposito decreto presidenziale, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha confermato il Dr. Raimondo Cerami come commissario straordinario del Libero Consorzio dei Comuni di Trapani, fino al prossimo15 settembre.

Il dr. Cerami conta , quindi, di riuscire a definire in questo ulteriore lasso di tempo fino alla scadenza, le iniziative avviate per il raggiungimento degli obiettivi strategici fissati per lo sviluppo del territorio provinciale.

Potranno quindi raccogliersi i primi frutti di numerosi accordi di collaborazione che sono stati avviati in materia di viabilità tra il LCC di Trapani e la Regione siciliana ed i suoi uffici tecnici periferici (Genio Civile di Trapani ) per la gestione dei finanziamenti regionali (Patto per il Sud, APQ) a cui vanno aggiunti i finanziamenti ministeriali (c.d. MIT) e i contributi di cui al comma 883 legge n, 145/2018, che riguardano una programmazione di interventi quinquennali su molte strade della provincia e sull’ edilizia scolastica gestiti direttamente dal LCC di Trapani.
In materia di viabilità vanno ricordati:

  • il nuovo accordo di collaborazione relativo ai lavori di manutenzione straordinaria per il miglioramento della transitabilità della SP. 21 , sottoscritto dal LCC di Trapani insieme con l’Assessorato regionale competente e tre dei
    Comuni interessati ( Marsala, Trapani e Paceco), cui presto si aggiungerà quello di Misiliscemi;
  • l’accordo di collaborazione in corso di perfezionamento fra il LCC di Trapani e il Comune di Marsala , relativo ad alcuni tratti stradali della SP. 84 . In materia di edilizia scolastica è stato possibile utilizzare al meglio alcuni
    finanziamenti pubblici per acquisire le verifiche di vulnerabilità sismica della quasi totalità degli immobili scolastici della provincia, cui seguirà a breve una serie d’ interventi per rendere le scuole più sicure e recuperare alcuni investimenti produttivi che porteranno nel tempo a ridurre ulteriormente i costi per gli affitti passivi per l’ Ente.

Nel frattempo il dr. Cerami ha provveduto ad approvare, seppur con i poteri di Giunta, il bilancio pluriennale 2021-2023 , nonostante che il termine- con il D.L. n. 56 del 30.04.2021 – sia stato ulteriormente differito al 31 maggio 2021. L’approvazione di tale strumento finanziario, insieme agli allegati, propedeutici al Bilancio, consentirà al LCC di Trapani di impiegare nel 2021 investimenti pari a € 57.626.651,80 con una ricaduta positiva su tutto il territorio provinciale.

Proseguirà inoltre la politica di razionalizzazione del patrimonio immobiliare dell’Ente anche attraverso la loro valorizzazione e/o l’alienazione di alcuni dei beni. Fra questi meritano di essere segnalate le seguenti iniziative:

  • la concessione pluriennale dello Stadio Polisportivo Provinciale , la cui procedura aperta ad evidenza pubblica è in itinere;
  • la valorizzazione del Villino Nasi con annessa cappella e giardino , che verranno presto sistemati e che , grazie alla collaborazione sperimentale con alcune Associazioni culturali che operano a Trapani, potranno essere riutilizzati attraverso iniziative proposte dalle Associazioni secondo un calendario di eventi che consentiranno la riapertura di un sito di grande attrazione turistica già a partire dal mese di luglio 2021 , compatibilmente all’evoluzione delle misure anti-Covid. In memoria di Nunzio Nasi il Museo Pepoli organizzerà unitamente al LCC di Trapani una mostra dal titolo “Nunzio Nasi e il suo tempo” che sarà possibile fruire presso il Museo Pepoli di Trapani dal 15 giugno al 15 settembre 2021;
  • la valorizzazione dell’immobile di via San Francesco c.d. “ Ex Carcere -Vicaria , il cui avviso di concessione pluriennale è stato oggetto di un bando pubblico prossimo alla scadenza ;
  • la valorizzazione dell’immobile denominato “Archivio di Stato” che è stato oggetto di un progetto di ri-funzionalizzazione degli spazi da adibire ad archivio, e che potrebbe essere destinato al servizio degli Uffici del Genio Civile di Trapani, del Tribunale di Trapani e dello stesso LCC .

Le iniziative appena enunciate sono alcune di quelle più rilevanti che attendono di giungere presto a conclusione, ma l’impegno del dr. Cerami resta anche quello di riorganizzare la macchina amministrativa dell’Ente , risolvendo innanzitutto in maniera definitiva il problema del personale precario del LCC che , alla pari degli altri Enti di area vasta siciliana, è stato anche privato ormai da troppo tempo della capacità assunzionale al punto di non disporre di alcun Dirigente in servizio.