Libia. Scilla: “il ministro degli esteri difenda gli interessi della pesca siciliana e dei nostri pescatori”

La situazione va risolta, certo però non può essere quella che propone il ministro Di Maio che propone di non mandare le nostre imbarcazioni a pescare in quel tratto di Canale di Sicilia. Entro luglio il parlamento italiano dovrà rivedere l’accordo tra Italia e Libia. Il ministro Di Maio pretenda che entrino di diritto la difesa degli interessi della pesca siciliana e dei pescatori siciliani.

E’ quanto dichiara stamane l’Assessore Regionale alla Pesca Toni Scilla, in merito all’ennesimo attacco, avvenuto nelle acque libiche, a tre motopescherecci della marineria siciliana.