Agripesca Sicilia: Pescatori mazaresi in guerra per poter lavorare. Comportamento della Libia intollerabile

Il gravissimo attacco al peschereccio “Aliseo” avvenuto pochi giorni fa a nord della costa di Tripoli, in acque internazionali, anche se all’interno della Zona di protezione pesca libica è l’ennesimo, drammatico episodio che colpisce la nostra marineria di Mazara del Vallo.

Un episodio che conferma e rafforza l’altissima pericolosità che si vive nello Stretto di Sicilia, acque oramai insostenibili per la nostra pesca. I colpi sparati da una motovedetta militare libica che hanno ferito il Comandante Giuseppe Giacalone non solo sono inaccettabili, ma pongono ulteriormente il focus sulla impossibilità di una stasi che non si sa quali conseguenze drammatiche può ancora generare.

L’AgriPesca Sicilia chiede alla Comunità Europea con forza una maggiore chiarezza, presenza e decisone, su uno specchio d’acqua ormai più simile ad un campo di battaglia. L’UE deve garantire il lavoro dei nostri pescatori, i quali possano tornare in mare consapevoli e certi di un presente ed un futuro privo di insidie di tale portata.