Baraccopoli Messina, Calderone (FI): “Svolta epocale, determinate lo sprint del ministro Carfagna e di Siracusano, la prima a sollevare il problema”

“Con lo stanziamento di 100 milioni di euro per il prossimo triennio, provenienti dal Fondo sviluppo e coesione per la bonifica della baraccopoli messinese, si conclude nel modo migliore un percorso virtuoso in cui un ruolo determinante è stato svolto con impegno e passione dalla nostra deputata alla Camera, Matilde Siracusano, la prima ad avere acceso i riflettori sullo spinoso problema. Con l’epilogo sancito dall’intervento risolutivo del ministro per il sud, Mara Carfagna, si è continuato su tale tracciato. Quella della più grande baraccopoli d’Europa, tra discariche a cielo aperto e tonnellate di amianto è una vera piaga sociale, che si protrae da oltre cento anni senza mai essere stata sanata. Non posso nascondere la soddisfazione per il sinergico lavoro svolto da Forza Italia, che con le sue referenti a Roma ha garantito ancora una volta la sua attitudine alla concretezza, cancellando finalmente una brutta pagina di cattiva gestione politica e amministrativa, per ridare dignità agli oltre 6 mila abitanti della Baraccopoli di Messina”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia all’Ars, Tommaso Calderone.