Vino, le Cantine Petrosino premiate in due concorsi enologici

E’ un periodo di grandi soddisfazioni per le Cantine Petrosino. L’azienda, che oggi conta quasi 900 soci, è infatti stata premiata con la Medaglia d’oro al 60° Concorso enologico – Mostra Nazionale di Vini di Pramaggiore, il più antico concorso enologico italiano. Sei i vini presentati, tutti diversi tra loro: il Grillo Bio Triglia 2020, Terre Siciliane IGP Syrah 2018, Nero D’Avola Bio Triglià 2018, Grillo Bio “Tenute di Montenero” 2020, Terre Siciliane IGP Catarratto Lucido 2020 e Terre Siciliane IGP “Bucari” 2018. Una selezione che rappresenta le varie anime della Cantina e questa parte della Sicilia occidentale.

“A Pramaggiore abbiamo portato tutti vini che rappresentano il nostro territorio – spiega l’enologo Salvatore De Vita – I rossi, vini di ottima caratura e di bella struttura che evidenziano le caratteristiche del territorio dell’entroterra mazarese, i bianchi nati nella fascia costiera, dove i terreni sono separati dal mare soltanto da una strada poderale e quindi dotati di una spiccata sapidità, ed ancora il Catarratto che  proviene dall’entroterra del trapanese, dalla zona di Poggioreale”.

Tre di questi sono biologici. Negli ultimi anni infatti la Cantina ha dedicato sempre maggiore attenzione al tema della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente:  una percentuale importante, tra il 15 e il 18%, dell’uva che entra in cantina ogni anno è biologica.

“Siamo molto orgogliosi del riconoscimento ottenuto al Mostra Nazionale di Vini di Pramaggiore che ha premiato non un singolo prodotto ma tutta l’azienda – commenta il direttore commerciale delle Cantine Petrosino, Mario Tumbiolo – E’ un valore aggiunto, ancora di più importante in questo momento così difficile per tutti”.

Ai premi arrivati da Pramaggiore, assegnati da una prestigiosa giuria di esperti, si aggiungono anche una medaglia d’argento ed una medaglia di bronzo all’International Wine Challange di Londra, rispettivamente per il Grillo Triglià e per il Catarratto Lucido.

Mario Tumbiolo – Dir. Comm. Cantine Petrosino

“Si tratta di un concorso molto prestigioso, dove si valutano vini provenienti da tutto il mondo secondo parametri molto rigidi. – spiega Mario Tumbiolo – Le due medaglie ottenute ci riempiono di soddisfazione e rappresentano il punto di partenza per guardare al futuro e fare sempre meglio”.

“Premi di così grande rilevanza – conclude l’enologo De Vita – sono il frutto di sacrifici e di grande impegno da parte di tutti, a partire dagli agricoltori per arrivare ai tecnici e a tutti coloro che lavorano per le Cantine Petrosino”.

Un lavoro di squadra dunque che ha portato i suoi frutti.