Scritte infamanti a Salvini e Meloni, Giacomo Dugo: Magistratura intervenga e la Lega e la destra non sottovalutino il fatto

Resto attonito ad ascoltare le parole di Paolo Paladino, avvocato di chiara fama, nei confronti di Matteo Salvini e di Giorgia Meloni e della sua difesa di chi offende con scritte imbrattanti le mura della città.

Ringrazio la nostra Bernadette Vigna per essersi attivata per la rimozione delle scritte e la nostra ottima polizia municipale che probabilmente ha individuato i colpevoli del reato. – afferma Giacomo Dugo, candidato sindaco della Lega alle scorse elezioni di Marsala.

Ma il fatto resta – continua il professor Dugo – e ricorda la campagna di odio verso me e qualcuna delle persone a ne vicine durante quel mese di settembre della campagna elettorale a Marsala. Ricordo con amarezza, tra gli altri momenti, quando a contrada ponte fiumarella dalla sua auto in corsa qualcuno lancio le sue minacce di morte verso me e il candidato Danilo Parrinello e ed un amicò che era con noi .

Quanto accaduto è grave a prescindere dagli obiettivi degli insulti e delle minacce, ma è anche un segnale per lavorare ad un clima diverso, da un lato credo sia necessario un tempestivo intervento della magistratura, dall’altro auspico che la Lega comprenda a livello regionale e nazionale che è necessario agire e dare risposte sui territori.

E che in Sicilia si deve e si può ripartire dalla quinta città della regione: Marsala.

Ufficio Stampa

Giovanni Callea