martedì, Novembre 29, 2022
HomeCronacaViolenza su donne. Regimenti (Lega): “Risorse a centri antiviolenza e più tutele...

Violenza su donne. Regimenti (Lega): “Risorse a centri antiviolenza e più tutele per chi denuncia”

“La violenza sulle donne continua ad essere una grave emergenza sociale, che la politica deve affrontare con strumenti legislativi più rigidi e stanziando risorse a sostegno delle strutture antiviolenza, ancora poche e inadeguate. Occorre formare nuove professionalità, assicurare gli indennizzi delle donne vittime di violenza e delle loro famiglie e soprattutto tutelare chi denuncia i soprusi subiti”. Così Luisa Regimenti, europarlamentare della Lega, in merito ai dati diffusi dall’Istat nel report sui centri antiviolenza e delle case rifugio, secondo i quali nel 2020 le chiamate al 1522, il numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking, sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019, sia per telefono, sia via chat (+71%).

“Sono dati preoccupanti – aggiunge l’esponente leghista – perché, come segnala l’Istat, oltre alla violenza fisica, presente nel 47,9% dei casi, quasi tutte le donne hanno comunque subito più di una forma di violenza, con quella psicologica in evidenza, 50,5%. Colpisce, inoltre, che rispetto agli anni precedenti sono aumentate le richieste di aiuto delle giovanissime fino a 24 anni e delle donne con più di 55 anni. Nell’ambito familiare, in particolare, i casi risultano in crescita, 18,5% nel 2020 contro il 12,6% rilevato nel 2019”.

“E’ importante avviare subito una campagna di sensibilizzazione tra i giovani” prosegue Regimenti, relatrice per la Commissione giuridica (JURI) della proposta di risoluzione del Parlamento europeo sull’impatto della violenza domestica e dei diritti di affidamento su donne e bambini, progetto trasversale, risultato del lavoro congiunto con la Commissione per i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere (FEMM). “Bisogna agire con fermezza, supportando l’auspicato cambio culturale con una diffusa rete di tutele, leggi più severe e pene certe” conclude.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments