Cipriano (C.E.P.): “Di Maio sui fondi del sud e sui rischi che vadano altrove, si informi con Draghi,i progetti ci sono”

Apprendiamo, che il Bibitaro Sig. Ministro Di Maio, nei giorni scorsi in varie interviste tv, ha dichiarato che per il Sud (per quanto riguarda i fondi del recovery plan&fund) ci sono 100 miliardi a disposizione, affermando chiaramente che se per nulla ci sono i progetti, c’è il rischio molto possibile che i fondi vadano altrove.

Il Comitato Etico Popolare per tramite il proprio Presidente Antonio Cipriano, risponde nettamente alle farneticazioni di Di Maio, ricordandogli quanto segue :

Il C.E.P. all’atto dell’insediamento del Governo Draghi, i progetti li ha presentati, e li ha presentati in modo molto chiaro e netto con un documento etico, che le segretarie che hanno gestito i primi colloqui di Draghi, hanno confermato, come lo stesso abbia ricevuto il documento ed abbia gradito; giusto, giusto dal nostro documento che gli abbiamo inoltrato, il Presidente del Consiglio Draghi, (allora solo Presidente incaricato) ha preso ciò che più gli interessava, oh forse sarebbe meglio dire ciò che era meglio copiabile dagli interessi elettorali dei vari politici pinocchiari ed inciuciari;

uno su tutti l’organizzazione di vari Stati Generali monotematici, per cui noi, che li abbiamo proposti, neanche siamo stati coinvolti;

c’è tanto altro, nel piano etico che abbiamo presentato, da cui in parte si è fatto ispirare il Presidente Draghi.. tra cui, oseremo dire anche il Ministero della Transiszione Ecologica – un punto da sempre forte che è presente nella nostra missione etica e che nulla a che vedere con le rivendicazioni di successo del Movimento 5 stelle Cadenti .

Di Maio, anziché fare lo yoyo e la girandola della politica, si informi bene con il Presidente del Consiglio Draghi, sul documento inviato dal C.E.P, e se vuole visto che è un Ministro, alzi il telefono, risponde alle mail e venga a mettere la faccia all’interno dei nostri tavoli; saremo molti lieti di dialogare per smentirlo e fargli fare la brutta figura che merita.

Anzichè minacciare spostamenti di fondi del sud altrove, sbandierando i rischi che gli stessi miserabili fondi vadano altrove, ripetiamo: Di Maio apra bene le orecchie, si informi con Draghi, i progetti ci sono, sono tanti quelli che abbiamo presentato per la Sicilia e vanno dall’agricoltura, alle tradizioni, alle sagre, alla viabilità, alle infrastrutture, ecc… ma sopratutto vanno negli interessi e per gli interessi del Popolo Siciliano, che la politica dei palazzi romani di Pd, Lega, M5S, Forza Italia sta invece continuando a prendere in giro usando il Sud e la Sicilia come cassa economica per il Nord . 

Ci sono 100 miliardi a disposizione? Bene, il Governo cominci a rispondere ai nostri progetti, abbiamo da tempo messo in moto la macchina organizzativa dei nostri progettisti. Se ancora è poco chiaro nei prossimi giorni riempiremo i ministeri delle nostre proposte, a cui ricorderemo di cosa si tratta.