Morto operaio ad Avola, Sicilia. Paolo Capone, Leader UGL: “Basta a questa strage continua e silenziosa”

“Un ennesimo incidente mortale sul lavoro ad Avola, nel Siracusano, in cui ha perso la vita un operaio di 45 anni e un altro è rimasto ferito. L’UGL esprime il suo cordoglio alla famiglia della vittima, non si può continuare a morire sul posto di lavoro. Urgono più controlli e una maggiore formazione per i lavoratori, in particolare, laddove si svolgono mansioni a rischio infortuni. La cultura della sicurezza deve essere al centro dell’agenda di Governo, con il fine di evitare questa strage continua e silenziosa. L’UGL tra le varie iniziative, ha portato avanti la manifestazione nazionale ‘Lavorare per vivere’ volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul triste fenomeno. Basta morti bianche!” Lo hanno detto in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, e Giuseppe Messina, Segretario Regionale UGL Sicilia, in merito alla morte di un operaio dovuta al crollo del ballatoio di un’abitazione privata, dove sono in corso i lavori.