Vaccini,Fismu: basta imposizioni,i medici non sono burocrati,devono curare i loro pazienti non stampare green card

FISMU FA UN APPELLO AL MINISTRO ROBERTO SPERANZA, ALLE REGIONI E ALLA SISAC: SUBITO SI APRA TAVOLO PER UN ACCORDO NAZIONALE. ALTRIMENTI SIA PROTESTA DI TUTTI I SINDACATI

 Tutto sulle spalle dei medici di famiglia, non più medici ma burocrati, ora è il turno della green card per il Covid19. Questa la denuncia di Francesco Esposito, segretario nazionale di Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu (affiliata Cisl Medici) che attacca: “Basta con le imposizioni dall’alto, il ministro Speranza e il governo hanno preso la pessima abitudine di imporre nuovi compiti impropri ai medici di medicina generale tramite decreto, i famigerati dpcm. Ora è il turno della cosiddetta ‘Green card’”.

“Solo una settimana fa, come Fismu (insieme a Cisl Medici) – spiega il segretario Fismu – avevamo dato la nostra disponibilità affinché fossimo centrali nel governo e nelle decisioni della campagna vaccinale ma con una condizione di buonsenso e di efficenza: avere a disposizione personale amministrativo e infermieristico e strutture adeguate. Quindi, avevamo chiesto di sedersi attorno a un tavolo con le regioni, con l’ente che si occupa della trattative nazionali, cioè la Sisac e fare un nuovo accordo che regoli queste questioni, ma anche la messa a regime della condivisione nazionale dei dati dei pazienti con il Fascicolo Sanitario elettronico (ora è uno spezzatino senza capo né coda, tra regioni) e la definizione e rilascio della nuova Green Card, appunto”.

“Invece, no, il silenzio – conclude Esposito – e poi arriva questo decreto, senza alcun dialogo, nessun confronto: un gesto autoritario e senza senso che aumenta la rabbia e il disagio della categoria. Un’ulteriore tegola sul già duro lavoro dei medici di famiglia, marginalizzati e trattati come burocrati. Tempo sottratto alla vera missione dei camici bianchi: curare e prendersi cura delle persone,  non fare le stampate di un certificato, anzi di 1000 certificati, attività che può fare tranquillamente un impiegato di un’Asl. Su questa vicenda invitiamo tutti i sindacati a dare una risposta unitaria, e alla Fnocmeo di supportarla. Chiediamo al ministro Speranza che si apra subito il tavolo di trattative con Sisac e Regioni, serve un accordo nazionale complessivo, non decreto e imposizioni”.