Vice Prefetto e Sindaci alla Presentazione degli eventi per la “Giornata Mondiale del Rifugiato 2021” nel Calatino

GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO 2021. NELLA SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI VIZZINI PRESENTATI GLI “EVENTI”. PRESENTI IL VICE PREFETTO NICOLOSI, SINDACI E RESPONSABILI COOP. CHE GESTISCONO PROGETTI SAI/SIPROIMI “VIZZINI ORDINARI” E “VIZZINI MSNA”

Sarà una settimana ricca di eventi quella che si svolgerà in molti centri del Calatino Sud-Simeto, nell’ambito della Giornata Mondiale del Rifugiato, promosso dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Il programma delle iniziative e delle attività che si svolgeranno nei Comuni dove hanno sede i centri dei Progetti SAI/Siproimi “Vizzini Ordinari” e SAI/Siproimi “Vizzini MSNA” è stato presentato nel corso di una conferenza stampa che si è svolta lunedì 21 giugno,presso la Sala Consiliare del Comune di Vizzini, ente locale titolare dei Progetti SAI/Siproimi “Vizzini Ordinari” e SAI/Siproimi “Vizzini MSNA” che vedono anche la partecipazione in associazione dei Comuni di Raddusa, San Cono, Mineo, San Michele di Ganzaria, Grammichele, Licodia Eubea, Palagonia e Scordia. Dopo i saluti espressi ai presenti, Paolo Ragusa -in rappresentanza della Cooperativa “San Francesco” ha ricordato quanto “detto ieri dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il quale ha ringraziato tutti coloro i quali in Italia si occupano di accoglienza migranti… quindi anche noi, che lo facciamo in questo nostro territorio”. Il sindaco di Vizzini, Vito Cortese, ha invitato a “riflettere sulle guerre e sulle altre cause che determinano la fuga disperata dai loro paesi di quanti migrano alla ricerca di una nuova terra, dove trovare lavoro e dignità. In un mondo di pace ciò non accadrebbe! Vanno, quindi, assistiti per aiutarli come stiamo facendo con il nostro progetto, di cui siamo responsabili, assieme ai Comuni che ci affiancano e con cui riusciamo attualmente ad offrire ospitalità ed accoglienza a circa 320 migranti… Non dimenticando che siamo stati tra i primi, nel 2004, ad avviare l’esperienza dello Sprar, attraverso il quale fino a oggi diamo a loro la possibilità di imparare una lingua, di andare a scuola e di avere una loro dignità.” Il vice Prefetto aggiunto di Catania e responsabile “Area Immigrazione”, Federica Nicolosi, dopo aver ribadito che “fare accoglienza è una missione per tutti”, ha messo in evidenza “il ruolo svolto dagli enti locali che si rivela preziosissimo, così come quello del Comune di Vizzini da cui sono stata piacevolmente colpita, anche per il gran numero di migranti che il progetto è riuscito a coinvolgere, tanto da essere per noi un vanto, specie quando ci confrontiamo con il ministero dell’Interno.. Ringrazio per questo tutti gli enti locali coinvolti e le cooperative che gestiscono un’accoglienza di questo tipo.” Per Giusy Infantino, che presiede la cooperativa “Opera Prossima” va fatto “un plauso ai sindaci presenti che –come detto oggi dal vice Prefetto- si spendono quotidianamente, con grande spirito di dedizione, e che non vanno lasciati soli, ma vanno sostenuti per aiutarli a risolvere i problemi.” Il presidente della Cooperativa “Iride”, Rocco Sciacca, ha illustrato “le iniziative che in questa settimana sono state programmate per celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato, non trascurando temi significativi come l’accoglienza e la solidarietà… Con gesti simbolici lanceremo un preciso messaggio: siamo tutti uguali”. Il sindaco di San ConoNuccio Barbera, ha messo in luce “la necessità, in questo territorio, di manodopera agricola che potrebbe essere soddisfatta da migranti da formare: quello che impareranno qui, gli servirà un giorno per contribuire allo sviluppo del loro Paese di origine”. Il sindaco di Mineo, Giuseppe Mistretta, ha fatto notare che “i Comuni di questo territorio, nonostante si trovino alla periferia della provincia etnea, sono comunque in prima linea nell’accoglienza, così come testimoniato qui dalla presenza delle cooperative rappresentate… Viviamo in un territorio ricco di prodotti agricoli, ma c’è un gran bisogno di manovalanza che va formata e inserita nel mondo del lavoro, per una loro maggiore integrazione e inclusione sociale.” Carmela Pagana, consigliere comunale raddusano, ha portato i saluti del sindaco di Raddusa, Giovanni Allegra, e ha acceso i riflettori sull’importante “ruolo svolto dagli educatori nei centri che sono il motore propulsore di queste attività.” L’assessore comunale sammichelese, Giuseppe Dieli, nel rappresentare il sindaco di San Michele di Ganzaria, Gianluca Petta, ha ribadito il valore dei “lavori svolti dalle cooperative per seguire questi ragazzi che vanno accolti nel modo più umano possibile. E il progetto del Comune di Vizzini va portato avanti per la valenza riconosciuta da tutti, oggi qui anche dal vice Prefetto che lo ha considerato un vanto per la provincia di Catania.”