3^ Fiera Mediterranea del Cavallo: ad Ambelia si riparte all’insegna della tradizione siciliana e della cultura equestre

Dal 2 al 4 luglio 2021, ad Ambelia, torna laFiera Mediterranea del Cavallo. Una terza edizione dedicata al nostro più fidato amico del regno animale e alle straordinarie bellezze della regione Sicilia, da vivere, sperimentare e gustare.

In seguito al grande successo della prima e della seconda edizione, all’interno della splendida cornice cinquecentesca della Tenuta di Ambelia, nel cuore delle campagne catanesi, si terrà – organizzato dalla Regione Siciliana con il supporto tecnico di Fieracavalli – uno degli appuntamenti equestri più attesi dagli amanti dell’equitazione e non solo.Tra tradizione siciliana e cultura equestre, la Terza Fiera Mediterranea del Cavallo è rivolta a tutti gli appassionati, agli addetti ai lavori, ma anche alle famiglie e ai semplici curiosi. Un’ottima occasione non solo per scoprire tutto sul mondo del cavallo e sulle tradizioni siciliane, ma anche per visitare un luogo pieno di storia come la Tenuta di Ambelia, originariamente parte dei possedimenti dei signori di Militello. Oggi la struttura, gestita dall’Istituto Incremento Ippico per la Sicilia e recentemente ristrutturata, è adibita alla conservazione, al miglioramento e alla diffusione delle razze equine siciliane, in particolare è rivolta al mantenimento delle razze Purosangue Orientale, del Cavallo Sanfratellano, dell’asino Ragusano e Pantesco.

L’evento ha inizio la mattina di venerdì 2 luglio con l’Inaugurazione Ufficiale e prosegue con numerosi appuntamenti – che danno risalto all’attività sportiva dell’equitazione, alla tradizione culturale equestre siciliana e all’allevamento – nelle diverse aree in cui sono stati divisi i 50 ettari della tenuta. Prendete carta e penna perché ce n’è davvero per tutti!

All’interno dei ring verranno ospitate tutte le diverse discipline dell’equitazione: dal Salto Ostacoli, agli Attacchi, al Dressage, dai Pony Games, alle discipline americane. Si potranno ammirare anche sorprendenti animazionispettacoli equestri, concorsi e sarà possibile esplorare la tradizione allevatorialesiciliana con la Vetrina del Cavallo Siciliano da Sella con ARACSI, quella dei muli con “Sicilia Antica – La tradizione del mulo e le sue bardature” e con la presentazione delle altre razze siciliane quali Purosangue Orientale, Cavallo Sanfratellano, l’asino di Pantelleria e l’asino Ragusano.

Spazio anche per i prestigiosi Cavalli Arabi con circa 80 esemplari protagonisti della Sicily Etna Arabian Horse Cup che prevede, per domenica 4 luglio, i Campionati Finali International Show Ecaho.

Per celebrare la millenaria amicizia con il cavallo e le altre specie equine, come l’asino e il mulo, viene posto l’accento sul loro ruolo come “dottori e assistenti” nello sviluppo emotivo e affettivo di tutti i bambini attraverso la pratica della terapia assistita con gli animali. Da segnare quindi i laboratori con i pony, a cura del Centro Ippico Athenarum e del Centro Ippico New Eagle’s, e le numerose attività ludiche e artistiche con gli asini, a cura di Massimo Montanari e Federica Crestani.

Oltre a queste iniziative, sono in programma dei laboratori tattilo-sensoriali ai quali parteciperà anche un gruppo di bambini dai 5 ai 10 anni ciechi e ipovedenti dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (U.I.C.I.) –sezione territoriale di Catania, in visita alla manifestazione accompagnati dai propri familiari.

Inoltre, venerdì 2 e sabato 3 luglio, l’Associazione U.I.C.I. metterà a disposizione un’unità mobile per tutti i visitatori che vorranno sottoporsi ad uno screening oculistico gratuito a scopo preventivo.

Da non perdere, inoltre, al tramonto il Gala equestre “Sicilia, così è se vi pare”: un omaggio, attraverso i cavalli e la musica, alla terra siciliana che ha ispirato grandi personaggi della storia, della letteratura e dell’arte.

E per vivere la ricchezza artistica ed enogastronomica della terra siciliana godetevi un palinsesto ricco di iniziative trasversali. Dall’estemporanea di pittura, a cura del Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, dedicata all’anatomia del cavallo e al suo ruolo nella mitologia fino all’esibizione di diversi gruppi musicali siciliani.

Fari accesi anche sull’ineguagliabile patrimonio dell’enogastronomia siciliana con il Villaggio DOS Sicilia: un’area dedicata a tutte le produzioni del Consorzio delle Denominazioni di Origine Siciliana (DOS), associazione nata per promuovere e valorizzare le migliori produzioni agroalimentari certificate della Sicilia. A cura dell’Istituto Professionale Statale “Principi Grimaldi” di Modica, inoltre, durante la tre giorni fieristica saranno realizzati menù degustazione con prodotti agroalimentari siciliani certificati.