Fuoriuscita e stabilizzazione del Personale ASU: si mettano in moto tutte le azioni per salvaguardare i lavoratori

Si è svolto, oggi, alla presenza anche dell’Assessore al Lavoro, del Dirigente Generale del Dipartimento
Regionale Lavoro, l’incontro convocato dalla V Commissione Parlamentare sulla problematica scaturita a
seguito dell’impugnativa dell’articolo 36 della Legge di Stabilità Regionale 2021, recante materia di
fuoriuscita e stabilizzazione del Personale ASU. Il Presidente della medesima Commissione Parlamentare
ha chiesto alle parti sociali eventuali proposte.


Lo dichiarano Michele D’Amico Cobas-Codir, Rosolino Lucchese UGL FNA, Vito Sardo e Mario Mingrino
ALE-UGL, Rosario Greco Confintesa e Sandro Cardinale USB.
Dopo che il Presidente della V Commissione Parlamentare, on. Giovanni Di Caro, ha introdotto i lavori –
proseguono i sindacalisti – ci aspettavamo di essere notiziati dell’incontro che avrebbe dovuto svolgersi
la scorsa settimana tra una delegazione capitanata dall’Assessore al Lavoro, insieme a due esperti del
settore, con il Ministro del Lavoro, nel quale si sarebbe dovuto affrontare e risolvere il nodo cruciale alla
base del l’impugnativa, ovvero lo sconfinamento al di fuori della competenza legislativa riservata alla
Regione, in quanto la stessa con l’art 36 interviene, in via generale, nella materia degli Enti Locali, i quali
sono soggetti alla normativa statale di cui al decreto legislativo n. 267/2000, ma di fatto non ci è stato
riferito nulla che non sapevamo.


Non avendo avuto al riguardo nessuna nuova informazione da parte del Governo Regionale
rappresentato dall’Assessore al Lavoro – proseguono Michele D’Amico Cobas-Codir, Rosolino Lucchese
UGL FNA, Vito Sardo e Mario Mingrino ALE-UGL, Rosario Greco Confintesa e Sandro Cardinale USB –
escludendo categoricamente il ricorso alla Corte Costituzionale per resistere all’impugnativa del
Consiglio dei Ministri all’art. 36, che dilaterebbe i tempi del percorso di stabilizzazione di anni, sempre
che non si ottenesse una sentenza sfavorevole, abbiamo ribadito, alla presenza della rappresentanza
parlamentare, l’esigenza di una norma “autorizzata e condivisa dal Governo nazionale”, che veda tutti gli
ASU stabilizzati.
Eventuali proposte non autorizzate, sarebbero mera perdita di tempo!


L’incontro con il Ministro Orlando non è più procrastinabile!
Nonostante siamo consapevoli dei tempi della politica, ci aspettiamo un lavoro più incisivo ed in tempi
utili da parte del Governo Regionale, possibilmente coadiuvato dal Parlamento Regionale e dal grande
assente dalla querelle, cioè l’ANCI regionale.
I lavoratori hanno bisogno di risposte concrete e non possono accettare ulteriori tempi morti.
Sulla stessa lunghezza d’onda i componenti della V Commissione parlamentare, anch’essi uniti nel
chiedere soluzioni concrete in tempi brevi.


L’obiettivo principe resta la stabilizzazione di tuti i lavoratori entro il 2021, ma nelle more, le scriventi
OO.SS. hanno chiesto, in considerazione che l’impugnativa dell’articolo 36 da parte dello Stato non rileva
dubbi sulla costituzionalità della possibile stabilizzazione del Personale ASU in servizio presso il
Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, l’avvio dell’iter propedeutico e
l’integrazione a tutto il personale ASU nei limiti delle risorse previste proprio dall’articolo 36.