Scicli. Officinoff: al via la stagione estiva di “Teatral – mente”

Una poltrona a teatro è un porto sicuro. Anche sotto la Luna e le stelle. Un’occasione per poter ricominciare a godere di emozioni che le recenti vicende epidemiche avevano relegato in un angolo ma mai sopito del tutto. 

Per la quarta estate consecutiva l’associazione teatrale Officinoff di Scicli organizza la stagione estiva “Teatral – mente” nella città di appartenenza, quest’anno in collaborazione con Latitudini, rete siciliana di drammaturgia contemporanea e reale punto di riferimento del teatro isolano e non soltanto. 

I luoghi prescelti sono Villa Penna, Palazzo Spadaro e lo spazio di Officinoff, tradizionali e suggestivi, costituiscono un vero e proprio teatro naturale: un sicuro richiamo anche per il pubblico dei turisti che affollano Scicli e che, semplicemente svoltando in una via anziché in un’altra, “volteranno” realmente “pagina” e potranno vivere diversamente, e in maniera ancor più suggestiva, le bellezze urbanistiche e architettoniche del luogo che sono ormai famose anche all’estero. 

Lo spettacolo che sabato 3 luglio alle ore 21.00 inaugurerà a Villa Penna la rassegna è “Quel santo di mio padre” di e con Giuseppe Brancato.

“La scelta dei luoghi” – afferma Salvo Nicita, presidente di Officinoff –  “è stata fatta, dove possibile, in funzione del singolo spettacolo da rappresentare, onde garantire agli attori e al pubblico un’atmosfera che non faccia rimpiangere il cosiddetto ‘luogo deputato’, ovvero il classico teatro al chiuso, consentendo allo spettatore di entrare ancor di più nelle vicende rappresentate”.

Vicende che, in questo caso, costituiscono un cibo nutriente adatto a tutti i palati: si va dal dramma borghese al teatro surreale, dal teatro comico al teatro d’inchiesta e di denuncia, fino al teatro per bambini, ivi ricomprendendo anche cinque produzioni di Officinoff (tra le quali tre “prime” assolute); in scena monologhi e allestimenti più complessi e variegati, spettacoli in lingua e in un dialetto “sublimato” e “teatrale”; fra gli autori – così come fra gli attori e i registi – nomi noti al grande pubblico (anche televisivo), che costituiscono una scelta “sicura”, ma anche giovani promesse del palco in procinto di consacrazione, che rappresentano scelte “coraggiose” in vista del futuro. “Naturalmente” – conclude Salvo Nicita – “la stagione estiva è solo un nuovo inizio. Stiamo già pensando alla stagione invernale, dove riproporremo ‘a grande richiesta’ spettacoli già acclamati in passato dal pubblico e, in più, daremo spazio a nuovi spettacoli prodotti fuori dalla nostra provincia e a nuove produzioni nostre che sono già in cantiere”.

Teatral-mente Rassegna estiva dell’Associazione Culturale OFFICINOFF – Scicli

3  luglio Quel Santo di mio padre di e con Giuseppe Brancato (CT)

17 luglio La morte e la fanciulla di Ariel Dorfman Produzione Officinoff

24 luglio Shots Compagnia Mezzaria Teatro (CT)

25 luglio A pinna di Hu di e con Iridiana Petrone (spettacolo per bambini)

30 luglio Fratture multiple scomposte di Maria Carmela Miccichè con Saro Minardo

01 agosto Dante on the road di e con Miriam Scala (spettacolo per bambini)

07 agosto Comu veni Ferrazzano con Giuseppe Provinzano (PA)

08 agosto Giufà e i buoni consigli di e con Iridiana Petrone (spettacolo per bambini)

14 agosto Camilleriadi anno zero

21 agosto Didon now Compagnia l’Arpa (EN)

28 agosto Miracolo Compagnia Suttascupa (PA)

04 settembre Beddi ri notti Compagnia Art Evolution (Ispica)

06 settembre Camilleriadi anno uno

17 settembre D.O.C. Disturbo Ossessivo Compulsivo

24 settembre La morte e la fanciulla di Ariel Dorfman